Lecce, chiuso un negozio di alimentari in via Duca degli Abruzzi

39

Prodotti scaduti e pesce surgelato privi di etichettatura e tracciabilità

merce scadutaLECCE – L’intervento per sedare una rissa tra extracomunitari in stato di ebbrezza in via Duca degli Abruzzisi trasforma in un’ispezione nell’esercizio commerciale davanti al quale sono soliti radunarsi per bivaccare e bere birra.

Così ieri pomeriggio gli agenti della polizia locale hanno scoperto uningente quantitativo di prodotti alimentari scaduti collocati, in bella mostra, in vendita sugli scaffali di un negozio di generi alimentari di proprietà di cittadini srilankesi.

Burro, panna in polvere, farina di mais, riso, lenticchie, salse varie, thè ed arachidi, ma anche tranci di pesce vario, gamberi, latterini surgelati privi di etichettatura e di tracciabilità. In tutto 179 confezioni chiuse in scatole di latta, vetro e cartoni e oltre dieci chili di prodotti ittici.

L’intervento si è concluso, in tarda serata, in collaborazione con il personale del SIAV (Servizio igiene alimenti veterinario) dell’ASL di Lecce, con il sequestro amministrativo di tutta la merce ed il provvedimento di chiusura dell’esercizio di vicinato, fino a quando il titolare provvederà all’eliminazione delle carenze igienico sanitarie riscontrate.

“Ho espresso vivo compiacimento ai miei uomini per aver portato a termine con grande professionalità e spirito di iniziativaquesto significativointervento a tutela della salute dei consumatori”, ha commentato il Comandante Donato Zacheo.