Lecce, 50 mila questionari per migliorare il trasporto pubblico locale

52

Il progetto – ideato dall’associazione giovanile e culturale “Carpe Diem” – è stato  presentato questa mattina a Palazzo Carafa

presentazione 'un trasporto per tutti' lecceLECCE – Cinquantamila questionari verranno somministrati ai leccesi per scoprire criticità e ottenere suggerimenti sul trasporto pubblico locale.

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Lecce e in partnership con la Sgm e ideata dall’associazione giovanile e culturale “Carpe Diem” – è stata battezzata “Un Trasporto Per Tutti”. L’obiettivo è quello di provare a risolvere i problemi relativi ai trasporti pubblici.

E’ un progetto molto ambizioso – sostiene il presidente di Carpe Diem Giorgio Pala – distribuiremo 50.000 questionari in piazza Sant’Oronzo e nelle principali scuole leccesi e nelle sedi universitarie: mentre si parla diffusamente di antipolitica noi continuiamo a dialogare con le Istituzioni”.

Siamo pronti ad accogliere utili suggerimenti per migliorare il trasporto pubblico locale”, sottolinea l’assessore ai Trasporti e alla Mobilità, Luca Pasqualini.

Occorre tuttavia sfatare il luogo comune secondo cui il servizio è inutile – afferma Ugo Guacci, direttore d’esercizio della Sgm – Nel giro di un anno circa 1milione 700mila passeggeri utilizzano i nostri bus. Certo, non siamo ancora competitivi rispetto al mezzo privato ma bisogna tener conto delle ristrettezze economiche e del fatto che abbiamo perso 600mila chilometri. Ad ogni buon conto, abbiamo previsto il rifacimento di 400 fermate dei bus e la realizzazione di 20 nuove pensiline. I servizi offerti saranno accessibili e funzionali”.

Soddisfatto il Consigliere comunale Antonio Lamosa: “Ho coniato io lo slogan ‘Un Trasporto per Tutti’. Ma ora questo deve diventare un obiettivo concreto. Anche per i trasporti io consiglierei di volgere lo sguardo alle marine. Lecce deve essere considerata una città del mare”.

E’ l’occasione per avviare un’operazione-verità – afferma l’assessore alle Politiche Giovanili, Alessandro Delli Noci – Ci sono troppi pregiudizi sul funzionamento del trasporto locale che non corrispondono alla realtà. Ben pochi, per esempio, sono a conoscenza del fatto che esiste una App (Mycicero) che dà informazioni puntali sul servizio ed eventuali ritardi dei bus. Dobbiamo puntare anche alla digitalizzazione dei biglietti, così come avviene in altre città italiane”.

Spesso – spiega il presidente della Provincia Antonio Gabellone – in tema di trasporti il rapporto tra costi e benefici vede un saldo negativo, ma la mobilità resta strategica per il territorio. Ben vengano, dunque, iniziative di questo tipo. Peraltro con Capre Diem abbiamo lavorato proficuamente tre anni fa: le indicazioni raccolte con il loro progetto sono state molto utili per cercare di migliorare il servizio di trasporto scolastico provinciale”.

Il progetto è stato presentato questa mattina a Palazzo Carafa.

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche l’onorevole Roberto Marti, il dirigente della Sgm, Gianni Peyla, il portavoce di Carpe Diem Alessandro Cantelmo e lo studente Matteo De Vergori, oltre ai rappresentanti di alcune realtà scolastiche ed universitarie.