“Le cose migliori si ottengono con il massimo della passione”

6

barletta

BARLETTA – Il giorno 23 settembre 2021, alle ore 18:30, presso la sede del CAM sita in via Del Salvatore 48, nel rispetto delle norme anti-Covid, si è riunito il gruppo direttivo del movimento civico NoiLiberamente di Barletta. Una piacevole occasione, dopo la pausa estiva, per pianificare i nuovi impegni sul territorio ed incontrare nuovi aspiranti soci.

Inevitabile è stato partire da un bilancio dell’attività svolta nei precedenti mesi lavorativi, e che può dirsi indiscutibilmente positivo, considerate le numerose attestazioni di attenzione giunte da tutte le persone incontrate lungo il nostro percorso.

Il merito a quanti tra i soci si sono adoperati con impegno, passione e competenza a portare avanti la mission del movimento, ovvero: promuovere e sviluppare azioni socio-culturali tese a garantire ascolto, dialogo, informazione, conoscenze e contribuire in tal modo al miglioramento della qualità della vita della comunità, partendo dai bisogni reali e dalle proposte provenienti dai cittadini.

Vari e ugualmente importanti gli ambiti nei quali i soci del movimento, sostenuti da un condiviso spirito di volontariato, hanno profuso tempo, energie e competenze. Nel periodo gennaio/marzo 2021, è stato intrapreso, sotto il patrocinio del Comune di Barletta, un percorso progettuale dal titolo “ Una legalità condivisa”, che ha visto coinvolti utenti adulti ma soprattutto giovani studenti delle scuole superiori di secondo grado di più regioni d’Italia. Il progetto in argomento ha previsto un ciclo di incontri seminariali a tema, in modalità da remoto su piattaforma digitale e ha teso alla diffusione della cultura della Legalità e della Cittadinanza attiva e consapevole al fine di incentivare nei giovani e negli adulti la partecipazione responsabile e critica alla vita sociale e culturale.

A livello di contenuti l’iniziativa proposta si è rivelata un’occasione di discussione e di approfondimento di delicate problematiche legate al nostro tempo, al nostro concreto vivere quotidiano, ai nostri comportamenti e alla qualità̀ delle relazioni reciproche attraverso l’esperienza e la competenza di alte figure specialistiche afferenti i vari ambiti individuati.

Una full immersion è stata dedicata al sociale anche attraverso la promozione di un sodalizio con altre associazioni del territorio come nel caso della delicata e urgente questione del recupero e della valorizzazione dell’ex Palazzo delle Poste di Barletta, approdando alla costituzione ufficiale del comitato denominato “Comitato EX PALAZZO DELLE POSTE” con l’obiettivo di elaborare e fornire all’Amministrazione comunale e ai privati possessori dell’ edificio in argomento una proposta di destinazione d’uso pubblico del palazzo.

Altrettanto puntuale e incisivo è stato il contributo del movimento civico Noi Liberamente ad animare il dibattito pubblico sul delicato problema della costruzione di un supermercato ai piedi del Castello di Barletta. Un virus minaccioso che aleggiava sulla nostra città e che ha spronato cittadini privati e Associazioni del territorio ad intervenire sulla vicenda e a sollecitare l’Amministrazione a tentare una strada alternativa per impedire che lo scempio diventasse parte del nostro tessuto urbano.

Con l’Associazione “Ambulatorio popolare” di Barletta si è intrapresa un’operazione di solidarietà verso i più poveri, gli ultimi del territorio, destinati all’esclusione sociale se abbandonati alla drammaticità della loro condizione.

Un altro obiettivo importante perseguito dal movimento è stato quello di contribuire ad incentivare la partecipazione attiva dei cittadini alla valorizzazione del verde pubblico mediante l’adozione di un’area verde sita in via delle Querce al n. 184 a Barletta. Una buona pratica per promuovere e garantire la cura costante del verde pubblico e il decoro urbano.

La mission dell’impegno socio-culturale del movimento Noi Liberamente continuerà ad essere anche per la nuova annualità quello di promuovere progetti di studio e di ricerca tesi a fornire soprattutto alle giovani generazioni le competenze di cittadini consapevoli. Tante le attività ideate e in fase di avvio, forti le motivazioni ad essere presenti e ad agire sul territorio nella direzione della promozione e della tutela del bene e dell’utile della comunità.

A tal proposito riempie di orgoglio i soci del movimento la partecipazione al “Patto per la lettura” promosso dall’Amministrazione comunale e l’ essere presenti nel dossier Dossier di candidatura di Barletta a “Capitale italiana del libro 2022” con due progettualità davvero significative, ovviamente al pari delle altre in esso contemplate, tese alla diffusione della lettura come strumento di coesione, di inclusione sociale, di crescita umana culturale e civica, di educazione alla pratica e al rispetto dei valori custoditi nella nostra Costituzione.

Si darà seguito al percorso formativo sulla Legalità, anche quest’anno con particolare attenzione ad alcune delle principali emergenze sociali, tra cui quelle legate alla Sicurezza stradale. Purtroppo spaventosamente alto è il numero di incidenti stradali avvenuti nella nostra città a causa dell’uso irresponsabile di monopattini e biciclette elettriche da parte di adolescenti sprovveduti e ignari delle norme fondamentali della sicurezza stradale. Senza trascurare i reiterati atti di becero vandalismo consumati sulle nostre spiagge e in alcune zone del centro storico, offendendo l’immagine della nostra città. Da qui la volontà del movimento Noi Liberamente, anche in rete con altre Associazioni del Territorio e non solo, di avviare un’azione di formazione e informazione, rivolta principalmente a studenti delle scuole superiori di 1° e 2° grado e ai loro genitori, per correggere comportamenti e azioni spia di un profondo degrado sociale oltre che culturale.

Queste ed altre ancora le iniziative a corredo del nuovo programma operativo 2021/2022 del Movimento civico che mi onoro di rappresentare e di cui sono fiera di interpretare, a nome di tutti i soci, la finalità che lo sostiene, ovvero cercare in ogni modo di adoperarsi per una messa a fuoco di quei profili di ordine sociale, comportamentale e psicologico che incidono profondamente nello svolgersi delle pratiche comunitarie e civili di vita e di azione, di accompagnare, proporre, approfondire, condividere momenti di crescita e comprensione sempre più ricchi e proficui.

“Le cose migliori si ottengono con il massimo della passione” (Goethe)