L’associazione Lecce Rinasce confluisce in Fratelli D’Italia An

59

Santoro, De Filippi e Signore spiegano le ragioni

marianna santoroLECCE – L’Associazione, che opera già da oltre un anno sul territorio cittadino, nota per la sua vocazione social-popolare, dimostrata in tante battaglie portate avanti nel nostro capoluogo, ha stabilito di candidare direttamente alcuni suoi esponenti nella lista di Giorgia Meloni, per dare, così, maggiore forza alla voce delle periferie leccesi. La decisione nasce soprattutto per provare a dare concretamente quelle risposte necessarie ai mille problemi e ai disservizi di cui le periferie soffrono da anni. A tal proposito la dirigente dell’Associazione Marianna Santoro, professionista, donna, moglie e mamma, dichiara: “Ormai siamo giunti alla conclusione che solo il cittadino comprende le esigenze dei cittadini stessi. La nostra è una nuova forma di pensiero creata da gente comune e improntata sull’onestà e sulla trasparenza! Solo noi, comuni cittadini, conosciamo i reali problemi e solo noi possiamo risolverli lavorando dall’interno dell’amministrazione”. Continua l’altra dirigente Alessandra De Filippi, anche lei moglie e mamma, già supervisore di nota azienda di telecomunicazione a Lecce: “Sono una ragazza semplice, ho trascorso tutta la mia vita all’interno della periferia leccese, conosco ogni singola problematica e sfaccettatura che regola la vita nei nostri quartieri. Questa volta non sarà un candidato esterno a rappresentarci, ma, saranno le periferie stesse ad avere una voce diretta che pretenderà risposte a tutti i nostri problemi che ci attanagliano quotidianamente. Dalla periferia per la periferia!”.
“La collaborazione con l’associazione Lecce Rinasce parte da lontano”dichiara il coordinatore provinciale di FdI-An Pierpaolo Signore. “Un partito come Fratelli d’Italia è per vocazione vicino ai cittadini che soffrono e vivono situazioni di emarginazione sociale come, purtroppo, sta accadendo ovunque nelle periferie delle città! Fratelli d’Italia vuole riportare al centro del dibattito e delle politiche di sviluppo proprio quelle zone estreme della città che devono diventare motore propulsivo delle attività economiche, culturali e sportive per un concreto riscatto sociale dei cittadini che le abitano. Con Lecce Rinasce stiamo portando avanti un programma che operi in tal senso e presto altri suoi esponenti scenderanno in campo nella nostra lista per le amministrative”.