Korea Week, dal 21 al 26 maggio 2022 gli eventi a Bari

58

Dopo 2 anni di pandemia la settimana di eventi culturali sulla Corea torna in presenza e sbarca per la prima volta nel capoluogo pugliese. K-Pop, Cinema Coreano, giochi tradizionali, “Carta dei mille anni” e spettacoli di danza e musica tradizionale a ingresso gratuito. Teatro Kursaal, Castello Svevo e Officina degli Esordi i luoghi degli eventi

BARI – Ieri a  Palazzo di Città si è tenuta  la conferenza stampa di presentazione della Korea Week, la settimana di eventi culturali dedicati alla cultura coreana che per la prima volta sbarca nel capoluogo pugliese con un programma di eventi gratuiti che si svolgeranno tra il Teatro Kursaal Santalucia, l’Officina degli esordi e il Castello Svevo di Bari.La kermesse è stata organizzata dall’Istituto Culturale Coreano in Italia e dall’Ambasciata della Repubblica di Corea assieme alla Città di Bari, la Regione Puglia e la Direzione Regionale Musei Puglia con l’impegno e la preziosa mediazione dell’ambasciatrice della Puglia nel mondo Nancy Dell’Olio.

Dal 21 al 26 maggio 2022 spettacoli ed eventi gratuiti – dai contest di K-Pop agli spettacoli di danza e musica tradizionale, dalle proiezioni di film coreani ad una speciale mostra sulla carta tradizionale coreana, fino agli antichi giochi coreani – consentiranno ai baresi e non di scoprire uno dei più affascinanti Paesi dell’Estremo Oriente: la Repubblica di Corea.

“Dal 2016, anno dell’apertura dell’Istituto Culturale Coreano in Italia, siamo ormai giunti alla nona edizione in presenza della Korea Week, che ha visto in tutta Italia la partecipazione di oltre 15mila persone (molte di più se si considerano anche le ultime due edizioni svoltesi online) – ha dichiarato Ye Jin Chun, direttrice dell’Istituto Culturale Coreano in Italia – un successo e allo stesso tempo uno stimolo per presentare il nostro Paese. Attraverso eventi ed esibizioni vogliamo non solo far conoscere la cultura coreana, ma anche creare un luogo di condivisione e di armonia con la cultura italiana”.
Anche l’Ambasciatore della Repubblica di Corea in Italia, S.E. Lee Seong-ho, coglierà l’occasione della Korea Week per far visita a Bari e conoscere i rappresentanti delle istituzioni locali.
“La settimana dedicata alla cultura coreana si inserisce nel solco di un percorso di internazionalizzazione che la Città di Bari sta conducendo in questi anni non solo per promuovere la propria riconoscibilità turistica, ma anche per attivare cooperazioni culturali, scientifiche e imprenditoriali con Paesi ad alto potenziale tecnologico e di investimento, come la Corea – ha commentato il sindaco di Bari Antonio Decaro -. Siamo molto grati all’Ambasciata coreana in Italia e all’Istituto Culturale Coreano in Italia per avere scelto Bari per questo evento promozionale e siamo certi che per la cittadinanza barese la Korea Week sarà l’occasione per approcciare una cultura apparentemente lontana ma in realtà vicinissima. I nostri ragazzi, specie i giovanissimi, seguono già da tempo la musica K-Pop, i videogame e il cinema coreani, con alcuni successi che hanno spopolato anche nel nostro Paese, tra tutti il film Parasite e la serie Squid Game. Vorremmo che Bari, nei prossimi anni, ampliasse sempre di più i suoi orizzonti culturali verso nuove realtà, perseguendo l’antica vocazione di ricerca, curiosità e scoperta, che da sempre caratterizza la nostra città”.
“La Puglia è terra di incontri e la cultura è capace di accorciare le distanze – ha sottolineato Grazia Di Bari, consigliera regionale delegata alle Politiche culturali -. Dopo due anni di pandemia, la Korea Week torna in presenza e sbarca per la prima volta a Bari, dal 21 al 26 maggio. Sarà un’occasione stupenda per conoscere la cultura della Repubblica di Corea, dai suoi aspetti più tradizionali a quelli più moderni, seguiti con grande passione anche in Italia da una grande comunità di sostenitori. Il cinema, i giochi tradizionali, la danza e la musica tradizionale e il K-Pop hanno guadagnato sempre più seguito e sono contenta di sapere che anche gli ammiratori pugliesi della cultura coreana potranno godersi questa settimana di eventi. Ringrazio per questo gli organizzatori e invito tutti a partecipare”.

GLI EVENTI

Ad inaugurare la Korea Week Bari 2022, sabato 21 maggio, alle ore 20.30, al Teatro Kursaal Santalucia, lo spettacolo di danza e musica tradizionale coreana “Sentimento Coreano: Han”, nata dall’unione di vari artisti e danzatori coreani provenienti da Francia, Germania e Regno Unito. Lo spettacolo presenta il tipico repertorio della danza tradizionale come il Jindo Buk-chum, ossia la danza con tamburo della provincia di Jindo, ma anche rivisitazioni della danza tradizionale coreana in chiave moderna della coreografa Jae Hyun An, in attività in Francia, completato dai brani tradizionali coreani eseguiti con il Daegeum (grande flauto traverso coreano in bambù) e con il Janggu (tamburo coreano a clessidra, uno dei più rappresentativi strumenti coreani). Lo spettacolo verrà riproposto domenica 22 maggio, sempre alle ore 20.30, al Teatro Kursaal Santalucia.

La rassegna continua, cambiando genere musicale, domenica 22 maggio, alle ore 15.30, con il “K-Pop Party”, sempre al Teatro Kursaal, appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati del K-Pop.
“Il K-Pop – ha spiegato Ye Jin Chun – è un vero e proprio fenomeno a livello globale, trainato dai successi dei gruppi coreani BTS e BlackPink che stanno infrangendo tutti i record di visualizzazioni sulla rete ad ogni nuova uscita”. Al Teatro Kursaal di Bari tutti gli appassionati della musica K-Pop potranno assistere all’esibizione di gruppi di K-Pop Dance e Vocal Cover preselezionati da tutta Italia, che riproporranno le coreografie dei K-Pop Idol più in voga del momento.

Non è solo il K-Pop a spopolare in tutto il mondo, ma si sta facendo largo, con sempre più fermezza, la produzione coreana sul grande e sul piccolo schermo. Il cinema coreano fin qui conosciuto dagli appassionati, sta destando infatti da qualche anno l’interesse del grande pubblico, riscuotendo forti consensi, come dimostrano i 4 Oscar vinti dal regista Bong Joon-ho nel 2020 con “Parasite”, o il tormentone della serie su Netflix “Squid Game”. Ci sarà modo, appunto, di assaporare il Cinema Coreano con 3 film assolutamente da non perdere all’Officina degli Esordi: “Memorie di un Assassino” (lunedì 23 maggio, ore 20.00), Train to Busan (martedì 24 maggio, ore 20.00) e Masquerade (mercoledì 25 maggio, ore 20.00).
Basato su delitti seriali realmente accaduti, “Memorie di un Assassino” (2003), di Bong Joon-ho, si distingue dai tipici film polizieschi in quanto è una ricca miscela composta dai risultati di un anno di ricerca, visite sulle scene del crimine e interviste con gli investigatori e i giornalisti che hanno seguito la vicenda. Dotato di una sceneggiatura eccezionale, miscela originale di morte e humor, “Memorie di un Assassino” è considerato il film che ha segnato la svolta nella carriera di Bong Joon-ho.
“Train to Busan” (2016), di Yeon Sang-ho, è un film che funziona su più livelli: uno di puro intrattenimento, come film di genere horror, con il mondo degli uomini in pericolo di fronte al diffondersi della piaga dei non-morti; un altro, più appagante e profondo, che è il risultato di una riflessione sociologica sulla Corea.
Infine “Masquerade” (2012), di Choo Chang-min, nella top 10 dei film più visti in Corea, è una fiction storica ambientata nell’era Joseon, ai tempi del re Gwanghae, che è stato ideata partendo dalla frase “Non rendete pubblico ciò che deve essere nascosto” trovata nel Diario di re Gwanghae, facente parte degli Annali della dinastia Joseon. Il film ricostruisce, con audace immaginazione, i quindici giorni di scomparsa del re Gwanghae durante i suoi 16 anni sul trono agli inizi del XVII secolo.
Inoltre, sempre all’Officina degli Esordi, da lunedì 23 a mercoledì 25 maggio, prima della proiezione dei film, dalle ore 16.00 alle ore 19.30, sarà possibile provare una serie di giochi tradizionali coreani quali ttakji, tuho, jegichagi e gonggi.

La Korea Week si concluderà giovedì 26 maggio, alle ore 19.00, al Castello Svevo di Bari, con l’inaugurazione della mostra sulla millenaria carta tradizionale coreana chiamata “Hanji”. La mostra “Hanji: la Carta della Vita” è dedicata appunto alla carta tradizionale coreana Hanji e ai diversi usi che se ne possono fare nella quotidianità. Si potranno ammirare opere di pregiata arte manifatturiera realizzate con l’Hanji e assistere al processo di produzione. Inoltre l’Hanji, chiamata anche carta millenaria per sua estrema longevità e resistenza nel tempo, è utilizzata dall’ICRCPAL (dal 2016) e dai Musei Vaticani (dal 2015) per il restauro del patrimonio culturale su carta.

La Korea Week è organizzata dall’Istituto Culturale Coreano e dall’Ambasciata della Repubblica di Corea assieme al Comune di Bari e la Regione Puglia; con il contributo di Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo Coreano, Ministero degli Affari Esteri Coreano, KOCIS (Korean Culture and Information Service), Korean Craft & Design Foundation, Direzione Regionale Musei Puglia, Castello Svevo di Bari, Officina degli Esordi e New Format.