Grumo Appula, trovato in possesso di una pistola: arrestato un 47enne

37

pattuglia carabinieriGRUMO APPULA (BA) – Nel corso di un servizio disposto dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Bari, i militari della Compagnia di Modugno con il supporto dello Squadrone Eliportato dei Cacciatori di Puglia hanno tratto in arresto un 47enne di Modugno, autista, residente a Grumo Appula.

L’altra mattina, una manovra spericolata mentre era alla guida di una FIAT Croma, sicuramente finalizzata ad eludere il controllo dei Carabinieri, ha spinto i militari ad inseguire e bloccare il conducente del mezzo ed a controllarlo. L’uomo è stato sottoposto a perquisizione personale il cui esito ha permesso di rinvenire una pistola a tamburo, calibro 5,6 di fabbricazione Ceca, con otto cartucce, occultata all’interno della tasca di un giubbino, nonché un involucro contenente 5 grammi di marijuana.

La perquisizione, quindi, è stata estesa all’abitazione del fermato ed alle relative pertinenze, ove ne è scaturito il rinvenimento e sequestro di un vero e proprio arsenale composto da: una pistola lanciarazzi marca olimpic 6 cal. 22, una pistola a tamburo marca randz curte cal. 4, una pistola ad aria compressa marca weihrauch cal. 4,5, una pistola a salve marca bruni cal. 9 senza matricola e priva del tappino rosso, n. 200 cartucce cal. 5.6, n. 90 cartucce cal. 6, n. 97 (novantasette) cartucce cal. 22, n. 65 cartucce a salve cal. 9, nonché kg. 1,550 di polvere pirotecnica, miccia pirotecnica, n. 20 confezioni di piombini di vario calibro, capsule percussori e ogive, una katana, n. 71 artifizi pirotecnici categoria 5 ed un kit completo per la fabbricazione e produzione di cartucce di fucile compreso di inneschi, pesi e bilancino, orlatrice, disinnescatore e innescatore, dosatore di polvere da sparo, dosatori manuali di polvere da sparo, mortaietto-battitore.

Le armi ed il materiale rinvenuto sono stati sequestrati mentre il soggetto è stato arrestato e condotto presso il carcere di Bari.

Gli accertamenti dei Carabinieri sono ora finalizzati a capire come mai l’uomo, un autotrasportatore, incensurato, avesse nella disponibilità tutte le armi e il munizionamento rinvenuto.