Giovannini e Giorgino ospiti al Caffé delle Sostenibilità: ecco quando

60

giorgino giovannini

Quarto appuntamento il 9 giugno dove ci sarà un confronto sulle possibili roadmap per un futuro “sostenibile”

BARI – Domani 9 giugno 2020, dalle ore 18, il quarto appuntamento del “Caffè della sostenibilità”, iniziativa organizzata dal Distretto Regionale pugliese delle Energie Rinnovabili e dell’Efficienza Energetica “La Nuova Energia”. L’iniziativa di successo ha l’obbiettivo di raccogliere idee concrete declinate alla luce del nuovo concetto di “sostenibilità”, riletto alla luce dei recenti avvenimenti, insieme a personaggi di opinione, provenienti dal mondo della politica, dell’accademia, dell’impresa e della cultura.

Il quarto evento raddoppia! Interverranno infatti il prof. Enrico Giovannini docente di statistica economica presso Roma Tor Vergata, economista e statistico di rilevanza internazionale, già Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, ex Presidente ISTAT, membro di numerosi board di organizzazioni nazionali ed internazionali, co-fondatore e portavoce dell’alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASvisS) e attualmente componente della task force fase 2 del Governo su materia economica e sociale e il prof. Francesco Giorgino, pugliese di origine, giornalista, docente presso la Luiss e studioso di tematiche sociali.

I moderatori di questo evento saranno, oltre al Presidente Bratta, i due vicepresidenti il prof. Riccardo Amirante del Politecnico di Bari ed Enzo Tucci. “Dopo gli ottimi risultati dei tre primi appuntamenti con Vendola, Mauro e Uricchio dichiara Giuseppe Bratta Presidente del Distretto La Nuova Energia, proseguiamo la nostra esperienza che ci consente di dialogare in maniera chiara, competente, collaborativa e connessa con illustri e autorevoli relatori e la presenza di due big nazionali lo testimonia.

Continua Bratta: l’obiettivo che ci siamo posti ed essere attori attivi nell’opportunità di trasformare il Paese con un’anima green che deve rappresentare la normalità quotidiana dei comportamenti delle persone e del sistema produttivo la quale rappresenta a mio avviso unica strada percorribile per il rilancio sostenibile del Paese dopo il lockdown.