Gallipoli, proseguono gli appuntamenti alla libreria Macarìa

0

GALLIPOLI – A Gallipoli proseguono le attività a Macarìa, libreria indipendente e bottega culturale animata da un gruppo guidato dallo scrittore Andrea Donaera e dalla scrittrice Gaia Giovagnoli. Vincitrice di PIN – Iniziativa promossa dalle Politiche Giovanili della Regione Puglia e ARTI (finanziata con risorse del FSE – PO Puglia 2014/2020 Azione 8.4 e del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione), la libreria – aperta tutti i giorni dalle 10 alle 13:30 e dalle 17 alle 21 (chiusa lunedì pomeriggio) – ospita non solo presentazioni e incontri ma anche workshop e laboratori sul mondo del libro, della scrittura e del fumetto e si appresta a vivere un’estate di appuntamenti e festival.

Sabato 23 aprile alle 18:30 la rassegna Scuffundati prosegue con Cecilia Maria Giampaoli che, in collegamento, presenterà “Azzorre” (Neo), romanzo d’esordio scelto e analizzato dal gruppo di lettura della libreria. Il romanzo è una storia vera, narrata con una voce precisa e disarmante. L’autrice racconta di un viaggio decisivo, il suo, dando vita a una narrazione toccante e avvolgente. Cecilia Maria Giampaoli (www.ceciliagiampaoli.com) si occupa di arti visive e usa la scrittura come un mezzo di ripresa – interessata al potenziale figurativo delle parole. Dal 2011 insegna all’ISIA di Urbino. Nel 2015 un suo racconto, Pelle di Merluzzo, riceve il Premio Eccellenza Treccani Web. Suo il blog di racconti www.diaridiunmarinaio.com.

Lunedì 25 aprile alle 17 appuntamento speciale dedicato alla Festa della Liberazione con la presentazione del libro “Gli impertinenti. Il viaggio di Sandro e Carla Pertini, per l’Italia di oggi” di Enrico Cuccodoro (Edizioni Voilier), a cura del giornalista Fernando D’Aprile, in collaborazione con Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, Comune di Gallipoli, Interferenze, Osservatorio istituzionale per la libertà e la giustizia sociale “Sandro e Carla Pertini” e Dipartimento di scienze giuridiche dell’Università del Salento. L’inizio del 1980 era stato segnato dall’assassinio di Piersanti Mattarella, a Palermo, proseguito con il vile, mortale agguato all’ing. Sergio Gori, a Mestre, e con il martirio di Vittorio Bachelet, a Roma, sulle gradinate della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università La Sapienza. Il viaggio del presidente della Repubblica, Sandro Pertini, a poche settimane da tali sconvolgenti assalti terroristici, proprio nella città natale di Aldo Moro, Maglie nel cuore del Salento, si poneva come forte impatto di molteplice significato e valore, ma era anche “un ritorno”, da capo dello Stato, a Turi, in terra di Bari, dove egli confinato dal regime fascista, fu compagno di cella di Antonio Gramsci.

Martedì 26 aprile alle 19, infine, aperitivo letterario con Alba Grazia Vulcano che, dialogando con Giulio Cazzella, parlerà del suo romanzo “Al civico 21” (AltroMondo editore). Al civico 21 del quartiere Trieste, nella Roma della seconda metà del Novecento, un’aggressione e due omicidi, eseguiti con intelligenza e raffinatezza, scuotono la tranquillità di un condominio variegato. Nella palazzina convivono personalità diverse che si muovono come su un palcoscenico, entrando e uscendo dalle vicende con i propri vissuti: il portiere, degli studenti, una maga, un padre e un figlio in perenne contrasto. A indagare, usando come metodo l’attenta osservazione dei fatti e l’indagine psicologica, è il commissario Diana Valente insieme a Viola Ortensi, proprietaria della palazzina: due donne educate, di buona famiglia, in piena sintonia e, a diverso titolo, accomunate da vissuti dolorosi.

Sabato 30 aprile alle 21 per la rassegna Scuffundati arriva a Gallipoli lo scrittore toscano Vanni Santoni con il suo recente “La verità su tutto” (Mondadori), un romanzo ambizioso, intriso di ironia e divertimento narrativo: vitalità letteraria allo stato puro. Cleopatra Mancini è una giovane donna dalla vita tranquilla e soddisfacente – una relazione appagante, una carriera ben avviata, una bella casa – quando, un giorno, incappa in un video che la sconvolge al punto da cambiare il corso della sua esistenza. È un filmato in cui crede di riconoscere la sua ex ragazza Emma. Ma cos’è successo a Emma dopo che Cleo l’ha tradita e poi lasciata? Come può essere finita in un video del genere, con quell’aria così succube e persa? È colpa sua? È per via del male che le ha fatto? Lo scittore, che parlerà anche del fortunato volume “La scrittura non si insegna” (Minimum Fax), grazie a Macarìa sarà anche al Castello Volante di Corigliano d’Otranto (venerdì 29 aprile alle 19) e alle Officine Ergot di Lecce (sabato 30 alle 18).

Ingresso libero con Super Green pass e Mascherina FFP2
Info e prenotazione (consigliata) 3463054671 – associazionemacaria@gmail.com