Francavilla Fontana, proseguono i lavori di rifacimento delle strade

3

FRANCAVILLA FONTANA – Nei prossimi giorni l’Amministrazione di Comunale Francavilla Fontana aprirà nuovi cantieri per il rifacimento delle strade.I lavori partiranno da via Mulini e via D’Azeglio.Si tratta della prosecuzione del blocco di interventi, finanziato con fondi regionali, che ha visto in questi mesi il rifacimento di arterie importanti come via Germania, viale Francia, strada comunale Massimiano (tratto La Franca-via Pio La Torre), via vecchia Oria-Ostuni (tratti via Terracini-complanare e via Brindisi-contrada Zammarico) e di tante strade secondarie che da anni necessitavano di interventi di manutenzione straordinaria.

L’estate appena trascorsa è stata anche l’occasione per completare i lavori sospesi a causa dell’emergenza sanitaria in via Di Vagno, parte di via della Conciliazione e su un tratto di via San Francesco. A queste strade, tra luglio e agosto, si sono aggiunti gli interventi, in questo caso finanziati dal Governo nazionale, che hanno permesso il rifacimento di via Abruzzo, via Calabria, via Molise, via Puglia, via Campania, via Quasimodo e via San Biagio.

Una importante novità riguarda via San Francesco. Nei giorni scorsi l’Amministrazione Comunale ha completato le procedure tecniche che consentiranno il completamento dei lavori dal passaggio a livello di via Grottaglie sino alla Porta del Carmine. L’intervento è stato finanziato con 80 mila euro derivanti dall’applicazione dell’avanzo.

Sono ripartiti, intanto, i lavori per la creazione della nuova rotonda di via Ceglie. Qui, dopo aver ultimato le opere di tracciamento dei percorsi, per procedere con il cantiere si è reso necessario l’intervento di Telecom per lo spostamento di alcuni cavi. Il cantiere, oltre alla rotonda, prevede la realizzazione di marciapiedi e attraversamenti pedonali rialzati nel tratto compreso tra lo Stadio e l’Ospedale.

“Con questi interventi – spiega il Sindaco Antonello Denuzzoprocediamo con i lavori pianificati sul territorio cittadino. Le difficoltà nel reperimento delle materie prime ha causato una concentrazione dei cantieri in un arco temporale molto ristretto. Mi scuso per i disagi causati alla cittadinanza, ma trattandosi in larga parte di lavori finanziati con risorse non comunali, dobbiamo attenerci alle tempistiche previste dai bandi.”