Fismic: “Un raggio di sole nel cielo di Taranto”

110

Positivo l’accordo che ha sancito il passaggio di 49 lavoratori da Bcube a Fata Logistic

comune Taranto logoTARANTO – In un momento di grave difficoltà e di profonde incertezze per tutte le aziende dell’indotto Leonardo-Finmeccanica di Grottaglie, la Fismic Confsal, sindacato autonomo dei metalmeccanici, interviene per esprimere considerazioni positive in merito all’accordo che ha definito il passaggio di 49 lavoratori e lavoratrici della BCube spa in Fata Logistic Systems.
L’incontro decisivo è dello scorso 28 dicembre, quando è stato firmato il nuovo contratto di lavoro degli ex dipendenti Bcube, che partirà dal primo gennaio 2017 e che ha visto al tavolo delle trattative il sindacato FISMIC, la Fata Logistic Systems e la società cessante.
Questo accordo è il frutto di un impegno costante mantenuto durante tutta la trattativa, nel rispetto delle parti e dei ruoli ricoperti – specifica la Segreteria FISMIC di Taranto – e vede come vincitori di questa partita i lavoratori e le lavoratrici, la loro dignità e il loro diritto al lavoro, per poter guardare al futuro in maniera più positiva e serena, per se stessi e per le proprie famiglie”.
La stessa FISMIC sottolinea come la trattativa abbia condotto a tali risultati grazie anche alla capacità propositiva e trasparente della FATA Logistic Systems. “Abbiamo lavorato tutti con sapienza, pazienza e conoscenza delle dinamiche produttive e FATA Logistic System, con attenta e scrupolosa valutazione in riferimento anche alla continuità lavorativa, ha fatto si che questo passaggio di lavoratori avvenisse senza eco e senza azioni di protesta, senza che un’ora di sciopero venisse consumata e abbiamo sempre lavorato congiuntamente nel rispetto e nella tutela del cliente Leonardo-Finmeccanica, evitando ritardi e/o disservizi e salvaguardando sempre l’immagine aziendale”: queste le considerazioni subito dopo la firma del contratto da parte della FISMIC.
La FISMIC conclude sottolineando che questa è una vittoria che ha visto tutti attori, ma soprattutto i 49 lavoratori sempre protagonisti, considerati nel valore e nelle capacità acquisite, sempre al centro di ogni discussione, come era giusto che fosse. Finalmente una piccola buona notizia anche per il nostro territorio.