Daniele Fabbri alla rassegna Please Stand Up a Crispiano

11

masseria quis ut deus - please stand up - filippo giardina 18 giugno

Venerdì alla masseria Quis ut Deus arriva il noto stand up comedian romano con il suo spettacolo Fakeminismo. Biglietti in prevendita

CRISPIANO (TA) – Secondo appuntamento della rassegna Please Stand Up a Crispiano. Venerdì 16 luglio, alla masseria Quis ut Deus, sarà ospite Daniele Fabbri con il suo spettacolo “Fakeminismo”, un monologo comico che parla di donne viste da un uomo che vuole cambiare il suo modo di parlare alle donne. Biglietti in prevendita al seguente link: https://bit.ly/Fabbri1607TA. Apertura porte ore 19, inizio spettacolo ore 20.30. I posti sono limitati nel rispetto delle normative anti Covid-19.

Il cartellone che vede in calendario i nomi più importanti della stand-up comedy italiani proseguirà poi, il 30 luglio, con Francesco De Carlo e terminerà il 6 agosto con il trio Luca Ravenna, Daniele Tinti e Stefano Rapone. L’iniziativa è organizzata da The Comedy Club, in collaborazione con le associazioni Volta la carta e Why Fai. Per informazioni: redazionevoltalacarta@gmail.com

Daniele Fabbri
Stand Up Comedian, scrittore satirico, sceneggiatore e podcaster. Nel 2007 scopre la stand-up e nel 2008 fa il suo primo monologo (“Farla Franca Negando L’Evidenza”). Nel 2009 è tra i fondatori di Satiriasi. Diplomato come attore e regista presso la Scuola Internazionale di Teatro di Roma, lavora come comico e autore in televisione, teatri e club italiani. Ha scritto svariati fumetti pubblicati da Shockdom Editore e Feltrinelli. Ha lavorato come attore e autore per i principali programmi TV satirici e di stand-up comedy, tra cui “CCN” con Saverio Raimondo su Comedy Central e “Nemico Pubblico” con Giorgio Montanini su Rai 3. È autore e interprete del podcast satirico “Contiene Parolacce”, distribuito sulle principali piattaforme digitali ed è autore e co-conduttore del podcast “Venerdì 17” prodotto e distribuito da Audible.

Fakeminismo
Una riflessione comica piena di buone intenzioni ma non sappiamo se perfettamente riuscita, perché un maschio che si mette in discussione si riempie di insicurezze, che lo portano a commettere ridicoli errori da maschio. Negare che le donne siano discriminate nella società è da ipocriti, le ragioni del femminismo sono indiscutibili, ma cosa può fare attivamente un uomo che non ha effettive posizioni di potere, non è famoso, non è un politico o un influencer, per cambiare la società? Cosa devono fare i maschi comuni nella vita di tutti i giorni? Daniele Fabbri si interroga sapendo di non avere le risposte, perché il femminismo non può certo spiegarvelo lui che è maschio. Tutto ciò che può fare è dimostrare che si può ridere degli argomenti più seri senza affatto sminuirli, ma al contrario è un buon modo per riconoscere la loro importanza e condividerla con gli altri.