Coronavirus Puglia, dati del 6 aprile: +475 nuovi positivi

47

coronavirus martedì

Il bollettino di martedì 6 aprile 2021: scendono a 50.454 i casi attualmente positivi al Covid-19 in regione, 70 decessi

REGIONE – Nuova giornata di informazione da Puglianews24.eu sulla situazione dell’emergenza Coronavirus in Regione per martedì 6 aprile 2021. Andiamo a vedere di seguito i dati del bollettino della giornata.

In Puglia, sono stati registrati 5.759 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 475 casi positivi: 161 in provincia di Bari, 48 in provincia di Brindisi, 30 nella provincia BAT, 139 in provincia di Foggia, 90 in provincia di Lecce, 15 in provincia di Taranto. 2 casi di residenti fuori regione e 6 casi di provincia di residenza non nota sono stati riclassificati e riattribuiti.

Sono stati registrati 70 decessi: 50 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 2 in provincia BAT, 7 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 8 in provincia di Taranto.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.932.738 test.

  • 146.892 sono i pazienti guariti.
  • 50.454 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 202.347 così suddivisi:

  • 79.008 nella Provincia di Bari;
  • 19.727  nella Provincia di Bat;
  • 14.674 nella Provincia di Brindisi;
  • 37.359 nella Provincia di Foggia;
  • 19.344 nella Provincia di Lecce;
  • 31.245 nella Provincia di Taranto;
  • 698  attribuiti a residenti fuori regione;
  • 292  provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

LE PRECISAZIONI DI LOPALCO SUI DECESSI

L’assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco precisa quanto segue: “Sono 15 i decessi avvenuti in Puglia nella giornata di oggi. Nel bollettino compare però un numero più alto, pari a 70, perché sono stati caricati oggi sul sistema dati relativi agli ultimi 7 giorni. 70 decessi in una settimana sono comunque un numero molto pesante che dà il senso del dramma di questa pandemia”.

I 70 decessi caricati oggi nel sistema, suddivisi per data e territorio:

  • 30 Marzo:        4 Asl Bari;
  • 1 Aprile:          4 Asl Bari;
  • 2 Aprile:          4 Asl Bari; 2 Asl Taranto;
  • 3 Aprile:          10 Asl Bari; 2 Asl Taranto;
  • 4 Aprile:          11 Asl Bari; 1 Asl Taranto;
  • 5 Aprile:          11 Asl Bari; 2 Asl Foggia; 1 Asl Lecce, 3 Asl Taranto;
  • 6 Aprile:          6 Asl Bari; 2 Asl Brindisi; 2 Asl BT, 5 Asl Foggia.

LA PUGLIA TI VACCINA, AL VIA LE ADESIONI PER I NATI NEL 1950 E 1951

Dal 6 aprile e fino al 18 il portale della Regione Puglia riferisce che possono aderire alla vaccinazione le persone nate tra il 1° gennaio del 1950 e il 31 dicembre del 1951. Non occorre prenotare, basta confermare l’appuntamento già pianificato dalla Regione sulla base della data di nascita e del comune di residenza registrati in anagrafe sanitaria. Le persone iscritte all’anagrafe sanitaria di Andria o Bisceglie possono consultare il proprio appuntamento dalle ore 14. Con questa fascia d’età possono aderire tutte le persone fra i 79 e i 70 anni, che vengono vaccinati in ordine di anzianità e sulla base della disponibilità dei vaccini.

Per aderire occorrono codice fiscale, tessera sanitaria e recapito telefonico per eventuali comunicazioni da parte dell’ASL. È possibile conoscere e confermare data e luogo del proprio appuntamento in tre modalità:

  • piattaforma La Puglia ti vaccina
    servizio online, con possibilità di stampare il promemoria e il modulo di consenso informato
  • numero verde 800.71.39.31
    attivo dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20
  • farmacie accreditate al servizio FarmaCUP
    possono anche stampare il promemoria e procedere alla modifica o riprogrammazione dell’appuntamento a partire dalla data di avvio della vaccinazione della categoria di appartenenza.

Le persone in condizioni di fragilità seguono un percorso dedicato: attendono la chiamata del medico o del centro specialistico di cura se sono estremamente vulnerabili, contattano il proprio medico se hanno una grave disabilità ai sensi della legge 104 del 1992 art. 3 comma 3.

IL PUNTO SULLA CAMPAGNA VACCINALE IN PUGLIA (BILANCIO DI PASQUA E PASQUETTA)

Nelle due giornate, Pasqua e pasquetta, dedicate alle vaccinazioni di caregiver e familiari conviventi di under 16 con disabilità grave, sono state coinvolte circa 13mila persone in Puglia che hanno ricevuto la prima dose.

Superate le 6.600 dosi somministrate nei “Vaccine days” di Pasqua e Pasquetta. La ASL Bari, dopo le circa 2.585 dosi di ieri, oggi ha eseguito altre 4.039 somministrazioni a caregiver, ossia familiari, conviventi, tutori e affidatari, di disabili gravi minori di 16 anni.

A Bari nell’hub Fiera – uno dei 17 centri predisposti dalla ASL per la due giorni pasquale – solo nella giornata di ieri sono stati iniettati 474 vaccini Astrazeneca. Oltre che nei quattro hub del capoluogo, i team di vaccinatori sono stati impegnati anche ad Altamura, Capurso, Valenzano, Mola di Bari, Alberobello, Sammichele, Acquaviva delle Fonti, Bitonto, Corato, Molfetta, Adelfia, Monopoli e Locorotondo riuscendo a soddisfare la consistente richiesta da parte dei cittadini.

Parallelamente continua il lavoro organizzativo e logistico per rifornire i medici di Medicina generale. Tutta la attuale fornitura di vaccino Moderna – ossia 9.100 dosi – sarà messa a disposizione dei medici di Medicina generale per proseguire, già a partire dai prossimi giorni, le vaccinazioni per soggetti fragili e over 80 a domicilio. Terminato il primo lotto di consegne – circa 3.300 dosi di Moderna – per i medici che avevano indicato il proprio studio come sede vaccinale, il NOA della ASL di Bari ha predisposto la rete delle consegne con i Distretti Socio Sanitari e l’organizzazione che permetterà l’avvio delle vaccinazioni anche per tutti gli altri medici di assistenza primaria che hanno optato per le sedi ASL come punti di somministrazione.

Nella Asl di Brindisi sono state circa duemila le dosi somministrate a caregiver e familiari conviventi di persone con grave disabilità, nella sessione straordinaria di Pasqua e Pasquetta. Il dato è aggiornato alle ore 15 di ieri, ma è destinato a crescere perché le somministrazioni stanno proseguendo anche nel pomeriggio. L’iniziativa, realizzata dal Servizio di Igiene e Sanità pubblica della Asl, nell’ambito della campagna vaccinale regionale, ha offerto una modalità in più rispetto alla somministrazione già prevista, da parte dei medici di medicina generale. Per le due giornate sono stati impegnati sei centri vaccinali: il PalaVinci a Brindisi, Conforama a Fasano, la palestra della scuola De Amicis a Francavilla Fontana, la scuola Falcone a Mesagne, la scuola primaria a San Donaci e il centro pressostatico a San Vito dei Normanni.

“Queste due giornate per i caregiver – ha commentato il direttore generale della Asl, Giuseppe Pasqualone – si aggiungono a quella di sabato per i pazienti oncologici e trapiantati di fegato e rappresentano un forte impulso alla campagna vaccinale. Nei prossimi giorni partiremo con la vaccinazione di massa, secondo le fasce di età definite dalla Regione e metteremo in campo tutte le nostre risorse. A questo punto è necessaria una fornitura più consistente di vaccini: con le nostre strutture e il personale impegnato potremmo vaccinare tutta la popolazione della provincia di Brindisi in un mese e mezzo”.

In provincia di Foggia giornata intensa di vaccinazioni. Tra domenica e lunedì sono state somministrate oltre 1.100 dosi a genitori, caregivers e familiari conviventi di minori con gravi disabilità. In particolare nella giornata di oggi sono 902 le vaccinazioni effettuate sino a questo momento, le operazioni sono ancora in corso. Impegnate in un grande lavoro di squadra le equipe vaccinali della ASL e molti medici di medicina generale dei comuni di: Foggia, San Severo, Lucera, Cagnano Varano, Vico del Gargano, Vieste, Torremaggiore, San Marco in Lamis, Troia, Candela, Monte Sant’Angelo, San Nicandro Garganico, Cerignola, San Giovanni Rotondo.

Un lavoro imponente che ha visto i medici di medicina generale, coinvolti anche nelle attività di vaccinazione a domicilio alle persone ultraottantenni non autosufficienti. Somministrate, nella sola mattinata, 466 dosi a domicilio. Ad oggi sono state somministrate complessivamente, in provincia di Foggia, 109.749 dosi di cui 72.257 prime dosi e 37.492 seconde dosi; 28.350 persone ultraottantenni hanno ricevuto la prima dose di vaccino, 17.267 anche la seconda.

Prosegue la campagna di vaccinazione anti Covid nella Asl Lecce nella giornata di Pasquetta. Tra domenica e lunedì sono circa 1.500 i caregiver e familiari conviventi di persone con gravi patologie vaccinati nei 10 centri della ASL e le vaccinazioni sono ancora in corso.

A questi si aggiungono 316 over 80 vaccinati il 4 e il 5 aprile nella sede del Distretto di Gagliano, 102 nel punto vaccinale allestito nel Comune di Otranto solo nella giornata di oggi.

Per quanto riguarda la Asl BT, sono 553 le vaccinazioni eseguite in due giorni tra Pasqua e Pasquetta. A Trani, presso l’hub PalaAssi domenica e lunedì sono stati vaccinati i familiari e i caragiver dei minori di 16 anni con gravi disabilità. Grande soddisfazione da parte della squadra di vaccinatori guidata dalla dottoressa Patrizia Albrizio e del commissario straordinario della Asl Bt Alessandro Delle Donne. Oggi si prosegue con le vaccinazioni degli over 80 e dei pazienti fragili con il completamento delle altre categorie previste dal piano vaccinale, in attesa di avviare dal 12 aprile le vaccinazioni dei cittadini tra i 70 e i 79 anni.

Per quel che riguarda Asl Taranto, sono proseguite stamattina le vaccinazioni di caregiver e parenti conviventi degli under 16 anni con patologie gravi. Anche alcuni diversamente abili maggiorenni, in elenco al Dipartimento di prevenzione, che frequentano le strutture socio sanitarie, sono stati vaccinati perché in possesso dei requisiti previsti.

Alle 572 vaccinazioni effettuate domenica, si sono aggiunte altre 1.462 somministrazioni effettuate nella mattinata di ieri e così suddivise: 695 nel capoluogo, 127 a Manduria, 91 a Massafra, 40 a Laterza, 107 a Grottaglie e 402 a Martina Franca. C’è stato un incremento rispetto a ieri grazie alla disponibilità ad allargare la platea target anche ai caregiver e ai parenti conviventi di persone fragili di età superiore ai 16 anni. Le somministrazioni proseguono nel pomeriggio al PalaRicciardi, hub vaccinale nella città di Taranto. Domani si prosegue con gli over 80 vulnerabili domiciliari e in ambulatorio e con i pazienti fragili.

Sono 659.503 le dosi di vaccino anticovid somministrate sino ad oggi in Puglia (dato aggiornato alle ore 18.15).