Cerimonia di premiazione e presentazione per Puglia Quante Storie 4

6

locandina puglia quante storie

LECCE – E’ uscito il 2 luglio scorso il volume Puglia Quante Storie 4, a cura della casa editrice I libri di Icaro, promotrice dell’omonimo concorso. L’iniziativa nasce nel 2012 come Salento Quante Storie, evolutasi poi nel tempo con l’obiettivo di ampliare l’orizzonte e offrire anche più possibilità narrative ai partecipanti, in linea con la mission della stessa casa editrice.

Puglia Quante Storie 4 verrà ufficialmente presentato a Lecce martedì 13 luglio, alle ore 18:30, nel contesto di una cerimonia pubblica che si terrà presso la Biblioteca di Palazzo Bernardini (ingresso piazzetta Carducci).

Nell’occasione, verranno premiati i dieci selezionati i cui racconti sono inseriti nel volume legato al concorso. Di seguito i loro nomi, insieme al titolo dell’opera che porta la loro firma: Albahari Giuseppe di Gallipoli (LE) con “La festa dei Tonnaroti”, Blasi Mario di Brindisi con “L’uomo col bastone”, Burlando Marianna di Giuggianello (LE) con “L’incauto affare”, Fumarola Angela di Martina Franca (TA) con “Il sole ovunque”, Ignone Enrico di Mesagne (BR) con “Lui, un cacciatore”, Piccirilli Matteo di Motta Montecorvino (FG) con “Accadde a Motta nel ‘48”, Piccolo Enza di Trani (BT) con “Nessuno si salva da solo”, Rescio Alberto di Borgagne di Melendugno (LE), con “Giugno al paese, 1909” Stomeo Maria Luisa di Martano (LE) con “Erro, quindi sono” e Vecchio Corrado di Melendugno (LE) con “Il mare addosso”.

Nel corso dell’evento, interverranno Andrea Martina, giurato e autore della prefazione, e gli autori finalisti. Sono previsti anche i saluti della Casa Editrice.

In seguito all’uscita del volume Puglia Quante Storie 4, la parola passerà ai lettori, che voteranno il racconto più bello decretando la terna dei vincitori e il vincitore assoluto; i lettori votano attraverso una cartolina voto con codice, che si trova all’interno del volume. Alla terna verrà assegnata una targa ricordo e il vincitore assoluto riceverà, oltre la targa, anche un’opera artistica.