“Cambiare le pensioni, dare lavoro ai giovani”: a Bari l’evento di CGIL-CISL-UIL

38

CislBARI – Si chiama “Cambiare le pensioni, dare lavoro ai giovani” la manifestazione nazionale unitaria di CGIL-CISL-UIL che si terrà oggi a Bari. “Siamo impegnati in un difficile confronto con il Governo sul tema delle pensioni, che non dà risposte adeguate alle rilevanti ingiustizie e iniquità presenti nel sistema previdenziale, e abbiamo predisposto, insieme a CGIL e UIL, un documento sulla previdenza, che verrà presentato domani ai quadri e delegati nel corso di tre attivi unitari”, dichiara Maurizio Spina della Cisl.

Gli attivi si terranno contemporaneamente in tre città diverse: Torino, Firenze e Bari, e si concluderanno con gli interventi dei tre Segretari Generali di Cgil, Cisl e Uil. I lavori a Bari si svolgeranno presso il Teatro Team e vi confluiranno i delegati delle Regioni del Sud: Campania, Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia. Presiederà Giulio Colecchia, Segretario CISL PugliaBasilicata, e aprirà Vera Lamonica della Segreteria nazionale CGIL. Le conclusioni della giornata sono affidate a Carmelo Barbagallo, Segretario Generale UIL.

“Con la presentazione della piattaforma unitaria – aggiunge Spina – proponiamo una riforma del sistema previdenziale: un accesso flessibile al pensionamento, la modifica del sistema contributivo, che penalizza giovani e precari, il riconoscimento del lavoro di cura ed interventi per rendere possibile la solidarietà intergenerazionale, il ripristino del diritto alla rivalutazione delle pensioni. Inoltre, la settima salvaguardia degli esodati non è risolutiva perché non copre tutta la platea stimata dall’Inps e l’attuazione dell’opzione donna è limitata al 31 dicembre 2015. È grave sottrarre risorse al Fondo dei lavori usuranti che, invece, andrebbero utilizzati per dare una risposta ai lavoratori che svolgono mansioni particolarmente faticose”.