Barletta, reddito di dignità e contributo fitto casa

85

Un intervento dell’assessore alle Politiche Sociali, Marcello Lanotte

comune di Barletta Andria Trani logoBARLETTA – Sono stati compiuti gli atti fondamentali per le misure a contrasto del disagio economico – sociale deliberati dalla Regione Puglia, in particolare per l’avvio del Reddito di dignità, prevedendo il prossimo avviso pubblico regionale necessario a presentare i “Progetti di inclusione”, che garantiranno ai cittadini individuati attraverso la pubblica graduatoria, un reddito minimo in cambio di lavoro.
Tale misura sarà illustrata in un incontro pubblico in programma a Barletta, la cui data sarà comunicata a breve dalla stessa Regione Puglia, a cui parteciperanno dirigenti regionali e comunali, oltre a rappresentanti delle istituzioni.Le relative informazioni, saranno anche pubblicate sul portale istituzionale del Comune di Barletta, consentendo, attraverso l’apposito banner denominato “ReD”, di scaricare ogni documento utile.
Altra importante misura sociale, sempre a sostegno dei cittadini meritevoli di sostegno economico, è rappresentata dall’imminente pubblicazione del bando relativo al Contributo Fitto Casa che, anche quest’anno, sarà corrisposto dalla Regione Puglia con un cofinanziamento del Comune di Barletta, che ha mantenuto in bilancio una apposita quota.
<<Sono entrambe misure importanti a sostegno dei cittadini e delle famiglie della nostra città. Grazie al “ReD” contiamo di garantire un reddito minimo a chi ha davvero bisogno di un sostegno economico, nella speranza di avviarlo al mondo del lavoro in modo stabile, così da superare logiche assistenzialiste ormai anacronistiche.
Confidiamo – ha sostenuto l’assessore comunale alle Politiche Sociali, Marcello Lanotte – nella sensibilità dei nostri concittadini che, interagendo negli ambiti di cooperative sociali, aziende private, enti pubblici, associazioni e chiese, hanno la possibilità di presentare i progetti per il Reddito di Dignità.
Quanto al contributo Fitto Casa, adesso sarebbe il caso che certi politici, avvezzi alla contestazione a prescindere e sempre strumentale, diano conto, non a noi, ma ai cittadini per le loro sempre più inutili polemiche. Infatti, proprio quando nessuno pensava che la Regione avrebbe erogato queste somme, l’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Cascella ha avuto il buon senso e l’intuizione di prevedere nel bilancio comunale le somme necessarie e di propria competenza. Ringrazio anche il Consigliere Regionale Filippo Caracciolo per essersi fatto promotore dell’istanza giunta dall’Amministrazione comunale, a riprova del fatto che la sinergia tra le istituzioni è sempre proficua per il bene comune>>.