Barletta, incendio Dalena Ecologica: Arpa presenta risultati analisi

13

BARLETTA – Sono stati resi noti questa mattina, in una conferenza di servizi aperta alla stampa e alle associazioni ambientaliste, i dati relativi ai campionamenti compiuti sia nell’area di ricaduta degli inquinanti sia all’esterno della stessa, dopo l’incendio che il 29 dicembre 2019 distrusse la ditta Dalena Ecologia srl che si occupa della lavorazione dei rifiuti.

Dopo la presentazione dei dati dei campionamenti compiuti da Arpa Puglia il 9 gennaio scorso, oggi sono stati presentati quelli emersi dai campionamenti affidati dal comune di Barletta alla ditta Ambiente Spa, i risultati dei campionamenti affidati dal Comitato Aria Pulita ed eseguiti da Agrolab e gli esiti conclusivi di Arpa Puglia.

Il responsabile di Ambiente Spa, geologo Davide Bonora, è entrato nel dettaglio dei campionamenti effettuati, il 9 aprile scorso, su ben 9 punti (strada provinciale 168; via dell’Euro; complanare Ovest; via Trani; via Vittorio Veneto; via Andria su più punti; via Dante Alighieri; via Giacomo Frank; via Barberini) e andando ben oltre l’area di ricaduta degli inquinanti individuata e delimitata all’indomani dell’incendio.

Fra i parametri principali presi in considerazione ci sono la presenza di metalli, benzeni e diossine. All’esito degli esami è stato riscontrato un lieve superamento dei limiti di legge per benzopirene, berilio e altri idrocarburi policiclici aromatici (IPA) circa dello 0,1%. Si tratta, hanno spiegato sia Bonora sia i responsabili di Arpa Puglia presenti, il direttore scientifico Vincenzo Campanaro e il direttore del dipartimento Arpa della Bat Giuseppe Gravina, di lievi superamenti che rientrano nel range di incertezza della misura, che deve essere presa in considerazione per ogni dato, e pertanto non si può parlare di non conformità ai limiti di legge bensì di non non conformità.

Per quanto riguarda le diossine non sono stati rilevati superamenti dei valori limite di riferimento. Di contro, sono stati riscontrati superamenti per il parametro “Berillio”che, per quanto risultante da altre attività di caratterizzazione dei terreni anche al di fuori del territorio di Barletta, si ritiene non siano attribuibili all’incendio bensì dovuti a valori di fondo naturali. La definizione di detto valore di fondo naturale comunque può essere circostanziata solo a valle di misure estese all’area vasta secondo le metodiche previste dalla normativa vigente.

È invece preoccupante la presenza di PCB, Policlorobifenili, e diossine emersa però dai rilievi compiuti da Arpa Puglia in un’area sopravento rispetto all’incendio, a ridosso della ex Cartiera, per la quale la Provincia, hanno riferito da Arpa, intende acquisire maggiori elementi, a cominciare dalla proprietà dei terreni, per compiere approfondimenti e indagini.

Riscontro positivo hanno avuto anche i prelievi e gli esami compiuti per conto del Comitato Operazione Aria Pulita da Agrolab, su due terreni fra Andria e Barletta, dai quali non sono emersi superamenti dei limiti di legge.

Siamo molto rincuorati per gli esiti di questi ultimi campionamenti – hanno detto il sindaco Cosimo Cannito e l’assessore all’Ambiente Ruggiero Passero – mentre ci mette in apprensione quanto emerso nella zona dell’ex cartiera e per questo, ancora una volta, vogliamo ringraziare Arpa per l’importanza del lavoro che svolge e ribadire che per noi e per l’Amministrazione comunale rappresenta un riferimento scientifico e istituzionale fondamentale”.