Barletta, Coronavirus: fiori e una preghiera per i defunti. Cannito, “Non sono abbandonati”

17

proclamazione sindaco cosimo cannito barletta

Il gesto del Sindaco e del Vescovo per conto della comunità cittadina

BARLETTA – Questa mattina il Vescovo della Arcidiocesi di Trani – Barletta – Bisceglie, monsignor Leonardo D’Ascenzo, e il Sindaco di Barletta Cosimo Cannito, in rappresentanza di tutto il Consiglio comunale, si sono recati insieme al Cimitero per manifestare il legame e l’affetto nei confronti dei defunti, con un gesto mesto e solenne.

Il primo cittadino ha voluto, per conto della comunità barlettana, posare simbolicamente dei fiori all’ingresso del Sepolcreto comunale, in segno di rispetto e pietas nei confronti dei defunti in questo momento di grandi restrizioni. Il Vescovo ha recitato una preghiera accorata per tutta la comunità.

Il cimitero è chiuso da circa tre settimane per motivi di sicurezza a causa dell’emergenza legata ai contagi da Coronavirus.

Non avrei mai voluto farlo – ha detto il sindaco Cannito – e comprendo il dolore della privazione e il bisogno struggente di recarsi sulle tombe dei propri cari, per posarvi un fiore o per prendersi cura delle sepolture”.

Non abbiamo abbandonato i nostri defunti e questo è il significato della visita di oggi. Ho posato quei fiori come se lo aveste fatto voi, con la preghiera e la speranza, laica e religiosa, di poter tornare presto al culto dei nostri cari defunti e a tutte le nostre vecchie abitudini”.