Barletta, contributo una tantum per le imprese barlettane colpite dal Covid: attivo l’Avviso comunale

5

comune di Barletta Andria Trani logo

BARLETTA – Il Settore comunale Sviluppo economico e Attività produttive comunica che è attivo da ieri 22 dicembre l’Avviso per la concessione di contributi una tantum a sostegno delle micro e piccole imprese con sede legale o sede operativa nel territorio del Comune di Barletta a seguito dello stato di emergenza derivante dalla diffusione epidemiologica del Covid-19.

Con tale atto la Amministrazione Comunale ritiene opportuno garantire un sostegno effettivo alle imprese locali colpite dagli effetti negativi dovuti all’emergenza con l’adozione di misure finanziarie a fondo perduto destinate alle attività economiche del territorio.

L’Avviso è volto a fornire un sostegno alle micro e piccole imprese con sede legale o sede operativa nel territorio del Comune di Barletta, regolarmente iscritte già alla data del 31 Dicembre 2018 che abbiano registrato una riduzione del proprio fatturato nell’anno 2020 di almeno il 30% rispetto all’ammontare del fatturato registrato nell’anno 2019, oppure che abbiano avviato l’attività a partire dal 1 Gennaio 2020 ed ancora attive alla data di presentazione della domanda. Le imprese devono risultare in regola rispetto alla normativa sugli aiuti di Stato, possedere la capacità a contrattare con la Pubblica Amministrazione e non avere alcuna posizione debitoria nei confronti del Comune.

L’importo complessivo dei fondi messi a disposizione è pari a € 200.000,00.

Le domande di ammissione al contributo devono essere firmate ed inviate esclusivamente tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo: dirigente.politicheattivedisviluppo@cert.comune.barletta.bt.it entro e non oltre le ore 23.59 del 31Gennaio 2022.

L’oggetto della PEC dovrà essere così formulato: “Domanda di ammissione a sostegno una tantum delle micro e piccole imprese con sede legale o sede operativa nel territorio del Comune di Barletta, a seguito dello stato di emergenza derivante dalla diffusione epidemiologica del Covid-19”. Il termine di trasmissione delle domande è perentorio pena l’esclusione e farà fede l’orario della ricevuta di avvenuta consegna alla casella della PEC.