Barletta, consegnati lavori per potenziamento e controllo accessi alla ZTL

 

consegnati lavori per potenziamento e controllo accessi alla ztl

I dettagli

BARLETTA – Sono stati consegnati questa mattina i lavori per il potenziamento della Zona a Traffico Limitato, la ZTL, coronando un progetto pensato 17 anni fa dall’allora sindaco Francesco Salerno, realizzato nel 2006 ma poi bloccato e mai andato oltre la fase della sperimentazione a causa della mancata omologazione di alcune componenti dei sistemi di videosorveglianza.

Oggi, dopo una transazione fra il comune di Barletta e la ditta che realizzerà l’impianto di videosorveglianza agli accessi dei varchi, la società Leonardo, il progetto è stato affidato e presentato. Erano presenti, fra gli altri, il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, l’assessore alla Mobilità Michele Lasala, il vice sindaco Marcello Lanotte, il comandante della Polizia municipale Savino Filannino e, per Leonardo, Bruno Sacone.

Il progetto originario è stato rivisto e aggiornato. I varchi sono collegati in rete fra loro e a un centro di controllo grazie a un software che elaborerà dati e statistiche che potranno essere usati, in futuro, anche per implementare i servizi.

Questo è un esempio di quanto sia importante la tecnologia al servizio delle pubbliche amministrazioni – ha detto il sindaco Cannito – e per questo risultato sono grato per il lavoro svolto dagli uffici comunali, Polizia Locale, Ufficio Traffico, Avvocatura, Manutenzioni, Lavori Pubblici, e dall’assessore Lasala e dal comandante Filannino, ringrazio anche Roberto Cannone e Franco Attolico per il lavoro svolto e l’impegno profuso per la caparbietà con cui si è riusciti a superare gli ostacoli burocratici che si sono aggiunti in questo lungo percorso”.

L’assessore Lasala ha riepilogato l’ultimo scorcio di eventi, dalla transazione fra comune e Leonardo nel 2108. “La ditta – ha spiegato – ha offerto strumentazioni e tecnologie nuove rispetto a quelle del 2006 e quattro varchi in più oltre ai tre originari, prevedendo nella ZTL una zona pedonale, quella intorno alla cattedrale, via Duomo e le stradine che la intersecano, più i sette varchi che definiscono la zona del centro a cui si accede in determinate ore a seconda dei giorni”. “Il nostro intento – ha aggiunto l’assessore – è migliorare la qualità della vita dei cittadini e dei residenti e diminuire l’inquinamento, oltre a liberare il centro storico dalle auto e renderlo pienamente fruibile. Per residenti e disabili sono previsti pass e targhe bianche, tutti gli altri saranno sanzionati come da regole e segnaletica predisposta”.

I lavori dureranno 70 giorni, ad essi seguirà un primo mese di sperimentazione per poi entrare effettivamente in vigore. I varchi sono previsti in via Nazareth, via Municipio, corso Garibaldi, vico Cambio, via d’Asburgo. via Marina e via Mura San Cataldo. Ogni varco sarà provvisto di un pannello esplicativo e annessa segnaletica.

Siamo consapevoli che questo, come tutti i cambiamenti, susciterà resistenze e critiche – ha aggiunto il sindaco – ma si devono superare in nome della crescita e dello sviluppo sostenibile della città”. Il comandante della polizia municipale Filannino ha ricordato come all’epoca Barletta fu fra i primi comuni a pensare e volere realizzare la ZTL e ne ha spiegato i meccanismi. L’interdizione al traffico delle autovetture nella zona della cattedrale è prevista h24. Per le altre zone i varchi saranno attivi dalle 18 alle 2 dal lunedì al venerdì; dalle 12 alle 24 il sabato; dalle 00 alle 24 i festivi. E’ previsto un doppio sistema di controllo – blocco, uno fisso con i pilomat e quello dei varchi, video controllati, che trasmettono i dati per l’elaborazione e le sanzioni. Inoltre saranno previsti dei percorsi obbligatori anche per coloro che saranno autorizzati all’interno della ZTL. Per quanto riguarda gli esercenti, le attività commerciali e i B&B dovranno per le loro esigenze di carico e scarico merci, o bagagli, comunicare targhe, giorno e ora.

Scheda tecnica ZTL
Leonardo, tra le prime dieci società al mondo nell’Aerospazio, Difesa e Sicurezza e la principale azienda industriale italiana. realizzerà un avanzato Sistema di controllo automatico degli accessi alle Zone a Traffico Limitato (Z.T.L.) con lo scopo di regolamentarne l’accesso a orari prestabiliti e/o a particolari categorie di utenti. Il sistema si compone di 7 varchi, centro di controllo presso la sede dei Vigili Urbani e postazione operatore remota presso gli uffici del Comune.

I varchi elettronici consentono il riconoscimento dei veicoli autorizzati (inseriti in una lista caricata sul sistema) all’accesso alla Z.T.L. attraverso la lettura automatica della targa. I dati rilevati sono inviati al centro ed elaborati da uno specifico software applicativo che permette la gestione delle infrazioni nonché l’interfacciamento con gli applicativi di gestione delle infrazioni in uso presso la Polizia Municipale (rilascio permessi, sanzionatorio). I varchi adottano un sistema di riconoscimento targhe best in class, funzionano in qualsiasi condizione atmosferica e d’illuminazione, rilevano il traffico in free running senza dispositivi esterni di rilevazione transiti, discriminano i veicoli in sosta rispetto a quelli in movimento rilevandone il senso di marcia, presentano un ridotto impatto ambientale grazie ad un gruppo di ripresa di dimensioni ridotte. Ogni varco memorizza data e ora del passaggio, classe del veicolo, tipo di transito (autorizzato, non autorizzato, sospetto), immagini di targa e contesto se il transito è irregolare, lista dei veicoli autorizzati (lista bianca) o segnalati (lista nera).

I 7 varchi sono stati posizionati, secondo le esigenze dell’Amministrazione Comunale, nel centro storico del Comune di Barletta:
• Varco 1: C.so Garibaldi c/o ex Banca d’Italia
• Varco 2: Piazza Marina ex Caserma GDF
• Varco 3: Vicolo Cambio
• Varco 4: Viale Carlo V D’Asburgo
• Varco 5: Via Mura di S. Cataldo
• Varco 6: Via Municipio
• Varco 7: Via Nazareth (incrocio Corso Vittorio Emanuele)