Bari, “I racconti delle venti” con Paolo Panaro: il 21 novembre nuovo appuntamento

4

All’Auditorium Vallisa lunedì prossimo, nell’ambito della stagione teatrale della compagnia Diaghilev, prosegue il ciclo di spettacoli e letture sceniche  con «Il barone rampante» di Italo Calvino

BARI – Il 21 novembre 2022 prosegue il ciclo «I racconti delle venti», quattordici letture sceniche di Paolo Panaro in programma di lunedì, alle ore 20, all’Auditorium Vallisa di Bari, nell’ambito della stagione teatrale della compagnia Diaghilev.

La serie stavolta prevede «Il barone rampante» di Italo Calvino, secondo romanzo della trilogia «I nostri antenati» pubblicato da Einaudi nel 1957. Un lavoro con il quale l’autore prosegue nel tentativo di unire l’ispirazione realistica del Neorealismo con la componente dell’invenzione fiabesca. Il narratore ripercorre, infatti, la lunga vicenda del fratello, Cosimo di Rondò, vissuto nella seconda metà del Diciottesimo secolo a Ombrosa, in Liguria. Cosimo, per sfuggire a una punizione inflittagli dai suoi educatori, decide di salire su un albero per non ridiscendere mai più. E su quella pianta Cosimo si costruisce un mondo aereo, dove diversi personaggi della cultura e della politica (Napoleone compreso) lo vanno a trovare, testimoniandogli la loro ammirazione. Il protagonista vive anche una tormentata storia d’amore con la volubile Viola. E, infine, muore vecchio, senza mai discendere in terra, volando via aggrappato alla fune di una mongolfiera, scomparendo mentre appeso attraversa il mare.

Il ciclo «I racconti delle venti», programmati, per l’appunto, alle ore 20, proseguirà con «La zia d’America» di Leonardo Sciascia (28 novembre), «Specchio delle mie brame» di Alberto Arbasino (5 dicembre), «Il racconto di Enea» da Virgilio (16 gennaio), «La sirena» di Giuseppe Tomasi di Lampedusa (23 gennaio), «Gerusalemme liberata» di Torquato Tasso (30 gennaio), «La sovrana lettrice» di Alan Bennett (13 febbraio), «Decameron» di Giovanni Boccaccio (20 febbraio), «Le due zittelle» di Gioacchino Landolfi (6 marzo), «Baldus» di Teofilo Folengo (27 marzo), «Memorie di Adriano» di Margherite Yourcenar (17 aprile), «Il viaggio di Ulisse» da Omero (24 aprile) e si concluderà con «Perros d’España» di Fabrizio Dentice (12, 13 e 14 maggio).

Prenotazioni al numero 333.1260425. Biglietti online sul circuito Vivaticket.