Bari, proseguono i controlli interforze sul territorio cittadino

37

Marzulli “La collaborazione dei cittadini è fondamentale per il nostro lavoro”

logo BariBARI – Nell’ambito dei controlli interforze predisposti in tutta la città dal comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, nella giornata di ieri una pattuglia della PM, cui si è aggiunta una pattuglia della Polizia di Stato, ha rintracciato e arrestato un uomo che, sulla spiaggia di Pane e Pomodoro, aveva rubato una borsa appartenente ad una famiglia di nazionalità ungherese, dandosi poi alla fuga.

Ad allertare il Comando alcuni bagnanti, la cui pronta segnalazione, ha consentito di rintracciare il ladro, un cittadino di nazionalità marocchina di 31 anni che, alla vista degli agenti, ha cambiato la maglietta che indossava nella speranza di non esser identificato. Gli agenti sono riusciti comunque a bloccarlo qualche minuto più tardi nei pressi delle case popolari di via De Vincentis. L’uomo è stato tratto in arresto per i reati di furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale, nonché per ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato italiano.

La borsa oggetto del furto, con all’interno documenti, contanti ed effetti personali, abbandonata dal ladro in fuga sotto alcune auto in sosta su corso Sonnino, è stata recuperata dalla pattuglia della Polizia di Stato, prontamente intervenuta a supporto del personale della Polizia locale.

La collaborazione dei cittadini è fondamentale per consentirci di intervenire in tempo utile, come l’operazione di ieri sta a dimostrare – commenta il comandante della Polizia Municipale Nicola Marzulli -. Il nostro lavoro, infatti, è tanto più efficace quanto più gli agenti vengono percepiti nella loro funzione a tutela della pubblica sicurezza, al servizio di tutta la comunità cittadina. Al comando della Polizia Municipale giungono quotidianamente numerose segnalazioni e, il nostro impegno costante è quello di riscontrarle tutte. I controlli effettuati sulle strade in questi ultimi giorni hanno portato al sequestro di oltre 35 caschi protettivi non omologati e indossati da conducenti di motoveicoli, a dimostrazione del fatto che sono ancora molti i motociclisti che sottovalutano i rischi della strada. Il sequestro è una misura prevista dalla legge, ma è anche un’occasione per sensibilizzare quanti utilizzano le due ruote a dotarsi di caschi a norma, che in caso di incidenti possono salvare la vita”.

Prosegue intanto l’impegno del personale della Polizia locale nel contrasto all’abusivismo commerciale su area pubblica – è notizia di questa mattina un sequestro per vendita abusiva effettuato nel territorio di Santo Spirito – e nelle attività di prevenzione e contrasto agli insediamenti selvaggi (tende, roulette, camper ) sulle spiagge della costa barese, secondo quanto disposto dalla vigente ordinanza regionale.