Bari, pronto il bando per l’assegnazione in diritto di proprietà di suoli edificabili a cooperative edilizie e loro Consorzi nelle maglie 13 e 22

logo Bari

Introna: “Un’altra azione importante a garanzia del diritto alla casa”

BARI – L’assessore al Patrimonio ed ERP Pierluigi Introna rende noto che è pronto per la pubblicazione l’avviso per l’assegnazione in diritto di proprietà di suoli edificabili di edilizia residenziale pubblica agevolata a cooperative edilizie (e loro consorzi), non proprietarie di suoli edificabili, nell’ambito del Piano di lottizzazione n. 139 denominato “P.U.E. Parco Gentile”, Maglia 13, zona di espansione C2 del P.R.G. Lotto 13 – Settore A e Lotto 11 – Settore B, nonché nell’ambito del “Piano di dettaglio per l’attuazione del Comparto n. 2 – Maglia 22 Zona di espansione C2 del P.R.G. Japigia località Sant’Anna”, lotti 18 e 19 della Sottomaglia 2/13.

All’assegnazione delle aree potranno concorrere, nel rispetto delle condizioni previste dalla legge, esclusivamente le cooperative edilizie di abitazione e i loro consorzi, in possesso dei requisiti per l’assegnazione di alloggi di edilizia economica popolare, che abbiano presentato domanda entro i termini prescritti dal bando.

Nella domanda di assegnazione il numero dei soci prenotatari indicati non dovrà superare il numero massimo di alloggi previsti dal bando per il lotto richiesto, aumentato di una quota di riserva in misura non inferiore al 50% e non superiore al 100%, per le sostituzioni necessarie in sede di assegnazione come previsto dalla vigente normativa, con indicazione dell’ordine di proprietà della quota di riserva.

Analogamente il numero dei componenti i nuclei familiari dei soci prenotatari non dovrà superare il numero massimo di persone consentito per il tipo di appartamento prescelto (per ogni socio prenotatario deve essere indicato nella domanda il tipo di alloggio prescelto).

La domanda di partecipazione dovrà essere riferita esclusivamente ad un singolo lotto tra quelli indicati nella tabella che è parte integrante del bando e dovrà essere formulata nella forma di autocertificazione, punibile, in caso di dichiarazione mendace ai sensi dell’art. 76 del D.P.R. 445/2000. La stessa cooperativa o lo stesso consorzio di cooperative potrà presentare una domanda per ciascun lotto messo a bando purché i soci prenotatari indicati (ivi compresi quelli di riserva) siano diversi per ciascuna domanda.

La pubblicazione del bando per assegnare suoli alle cooperative, prevista entro la fine di questa settimana, è un importantissimo tassello che concorre alla costruzione di un piano casa degno della nostra città – commenta Pierluigi Introna -. Non deve sfuggire, infatti, l’importanza sociale di un’azione rivolta in particolare a quelle fasce di ceto medio che, non avendo la possibilità di accedere all’assegnazione di una casa popolare possono, in cooperativa, coronare il proprio sogno di avere una casa di proprietà per viverci serenamente con la propria famiglia.

Tra le diverse azioni messe in campo dalla nostra amministrazione nell’ambito del piano casa e delle politiche abitative, quest’ultima riveste un ruolo assai importante e intercetta una significativa fetta di popolazione, come le famiglie mono reddito, che non versa in condizioni di povertà come i richiedenti di un alloggio popolare ma che al momento, stanti le attuali condizioni economiche, non riesce ad acquistare una casa alle condizioni di mercato.

Quest’ultimo bando si aggiunge al lavoro svolto, solo nell’ultimo anno, dalla ripartizione Patrimonio attraverso il nuovo bando ERP 2018, quello per la morosità incolpevole e la gestione attenta dei diversi fenomeni legati all’emergenza abitativa. Risultati importanti che non sarebbero stati raggiunti senza l’impegno costante e l’abnegazione dei dipendenti della ripartizione, che quotidianamente prestano un enorme impegno e dimostrano grande attenzione ai cittadini in situazioni difficili e in condizione di estrema fragilità economica e sociale“.