Bari, presentata Nikolart

114

La ressegna di belle arti in programma fino al 30 maggio

presentazione nikolartBARI – È stata presentata questa mattina a Palazzo di Città, alla presenza dell’assessore alle Culture Silvio Maselli, “NikolArt – luce e materia, tradizione e innovazione”, la rassegna di eventi artistici organizzata dalla Fondazione Nikolaos e dall’Accademia di Belle Arti di Bari e patrocinata dall’assessorato, in programma in diverse location baresi: la sala Murat, la Chiesa Russa e l’auditorium La Vallisa.

All’incontro con la stampa hanno partecipato il presidente della Fondazione Vito Giordano Cardone, il direttore dell’Accademia di Belle Arti di Bari Giuseppe Sylos Labini e il consigliere della Fondazione Roberto di Marcantonio.

L’amministrazione è entusiasta di patrocinare questa iniziativa – ha dichiarato Silvio Maselli – perché, dopo aver subito per oltre mezzo secolo la dominazione culturale da parte degli Stati Uniti d’America, riteniamo sia arrivato il momento di investire seriamente tutte le risorse che possediamo per mettere in condizione coloro che producono cultura nel nostro Paese di maneggiare e interpretare i nuovi linguaggi culturali (e in special modo le arti visive): se non lo faremo, presto diventeremo i nuovi ‘schiavi’ colonizzati. Nikolart è uno di quei meravigliosi eventi che possono evitare situazioni di dominio culturale unilaterale, perché rendono la comunità più consapevole delle proprie tradizioni. È questo l’obiettivo che l’amministrazione intende perseguire insieme a quel vero scrigno di talenti, di competenze e di immaginazione che è l’Accademia di Belle Arti. Partecipando alla mostra, i baresi avranno la possibilità di accedere a linguaggi culturali che altrimenti rimarrebbero confinati nelle stanze degli addetti ai lavori. In una città come Bari, che pullula di imprese artistiche e creative di livello nazionale, un evento che coniuga alla perfezione tradizione e innovazione come Nikolart ben si inserisce nel solco inaugurato dall’amministrazione nel promuovere gli eventi del Maggio Barese: in definitiva, riuscire a produrre estetiche e linguaggi culturali nuovi e autonomi, non dimenticando mai la nostra storia”.

Con questa iniziativa – ha spiegato Vito Giordano Cardone – intendiamo avviare un percorso culturale, artistico e tecnologico con uno sguardo alla tradizione eppure rivolto al futuro”.

L’Accademia di Belle arti, da par suo – ha sottolineato Giuseppe Sylos Labini – da tempo continua a costruire e ad amplificare la rete di relazioni sul territorio regionale, promuovendo eventi di qualità rivolti alla conoscenza e alla promozione dell’arte contemporanea. Nikolart, in particolare, fonde passato e presente, tradizione e alte tecnologie, con l’intento di sviluppare nuove creatività e di formare nuove professionalità”.

Si parte con la mostra di icone classiche e contemporanee realizzate dagli artisti bulgari Kostantino Leodeff e Milena Nisheva, in programma dal 17 al 24 maggio nella Chiesa Russa di Bari, e la presentazione di lavori e opere di tradizione nicolaiana a cura degli artisti Roberto di Marcantonio e Vincenzo D’Angelo.

Dal 24 al 30 maggio, nella Sala Murat, è prevista l’esposizione permanente di sculture, pitture, decorazioni, opere di grafica, scenografia, fotografia, illustrazione e costume a cura dell’Accademia e, in anteprima assoluta a Bari, un’installazione cubica all’interno della quale verrà proiettata la tecnica dell’ologramma. Non mancheranno i laboratori di scenografia, costume, fumetto, fotografia, storia dell’arte, fenomenologia del corpo, tecnologia, pittura, moda, decorazione, computer art e ingegneria della luce.

Due le mostre in programma: la mostra d’arte nella Chiesa Russa di Bari, dal 17 al 24 maggio, dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00 (inaugurazione martedì 17 maggio alle ore 18,00) e la mostra permanente dell’Accademia di Belle Arti nello Spazio Murat, dal 24 al 30 maggio dalle ore 11.00 alle ore 20.30 (inaugurazione martedì 24 maggio alle ore 12.00).

Domenica 29 maggio, nell’auditorium La Vallisa, alle ore 18.00, proiezioni ed elaborazioni di paesaggi della Spiritualità nicolaiana a cura del prof. Donato Forenza. A seguire, alle ore 18.30, si svolgerà il concerto Omaggio a San Nicola, eseguito dalla Cedis Band e diretto dalla pianista Adriana De Serio.

L’ingresso a tutti gli eventi è gratuito.