A Bari “Giovani rigenerazioni creative”

133

In pubblicazione l’Avviso per raccogliere idee e progetti per fare la scuola melo uno spazio per la creatività giovanile

logo BariBARI – È online sul portale istituzionale, a questo link , l’avviso esplorativo per acquisire idee progettuali da parte di associazioni giovanili del territorio che vogliano candidarsi con il Comune di Bari al bando promosso dall’ANCI “ Giovani Rigenerazioni Creative ”, in scadenza il prossimo 10 giugno.

Si tratta di un bando che coinvolge 82 Comuni d’Italia, tra cui Bari, che hanno partecipato al “Tavolo sulla rigenerazione creativa” con l’obiettivo di stimolare il protagonismo e la creatività dei giovani sui temi della rigenerazione urbana e del riuso degli spazi pubblici, attraverso iniziative sperimentali di gestione di un edificio pubblico e/o di uno spazio aperto, ispirate alla manifattura digitale, alle professioni creative, alla multimedialità, all’innovazione economica e sociale.

Così come disciplinato dal bando ANCI, il Comune di Bari dovrà essere capofila della proposta da candidare entro il 10 giugno: l’avviso in pubblicazione, rivolto al mondo associativo, è finalizzato a selezionare le migliori idee nonché i partner con cui co-progettare interventi in linea con gli obiettivi del bando e con il percorso programmatico intrapreso dall’amministrazione in tema di politiche giovanili e riuso degli spazi urbani.

L’edificio per il quale si intendono raccogliere idee progettuali è il plesso “Melo da Bari” nel quartiere Libertà, con particolare riferimento al primo piano, attualmente sottoutilizzato e dotato di spazi ampi e adeguati alle richieste del bando.

L’ANCI mette infatti a disposizione sino a 200mila euro di contributo da impiegare in opere, allestimenti, attrezzature, servizi, per progettualità che mirino a riqualificare/ridisegnare lo spazio individuato in una logica operativa e pluriennale, attraverso la creatività giovanile, coinvolgendo le comunità locali e rivolgendosi ad una platea di beneficiari finali di età compresa fra i 16 e 35 anni.

Le tre aree d’intervento sono l’innovazione culturale (iniziative e servizi innovativi sul piano della produzione, dell’offerta e della fruizione in ambito artistico e culturale), l’innovazione sociale (nuovi modelli di imprenditoria sociale) e l’innovazione economica (modelli innovativi di industrie e professioni culturali).

“L’obiettivo dell’avviso è quello di stimolare dal basso il coinvolgimento dei giovani nella sfida della partecipazione e della proposta – dichiara l’assessora alle politiche giovanili Paola Romano -. Abbiamo l’opportunità di insediare nel quartiere Libertà un laboratorio giovanile aperto alla comunità, alla città e soprattutto alle associazioni giovanili, favorendo dinamiche di rete virtuose tra contenitori culturali e pratiche collaborative tra realtà creative. Crediamo che Bari abbia le competenze, il capitale umano e la capacità di rappresentarsi al meglio come città a misura dei giovani: abbiamo delle forti realtà universitarie, un’infrastruttura scolastica ben radicata, un tasso di internazionalizzazione in crescita, un tessuto associativo molto vivace, esperienze imprenditoriali in cui il rinnovamento generazionale risulta determinante. Oltre al Job Centre Porta Futuro, a breve avremo un Incubatore di Impresa dedicato alle start-up e molti cantieri in corso sono destinati ad un pubblico giovanile. Non a caso Bari, con la sua Città metropolitana, si è candidata a Capitale Italiana dei Giovani 2017 superando la prima fase insieme a Venezia e Palermo. La nostra attenzione sul tema è massima. Il nostro impegno politico è quello di valorizzare i nostri giovani talenti e garantire loro la maggiore accessibilità degli spazi pubblici da riqualificare e riutilizzare”.

Lunedì 16 maggio, alle ore 16.00, presso lo SpazioGiovani, nel corso di un incontro pubblico, l’assessora Romano presenterà le finalità dell’avviso e le modalità di partecipazione.

La domanda di partecipazione all’avviso potrà essere inoltrata da associazioni in forma singola o in rete con altre associazioni e/o enti privati. Il capofila della rete dovrà avrà sede legale da almeno un anno nel Comune di Bari e sarà considerato come premialità il coinvolgimento di realtà associative della Città metropolitana di Bari.

Per candidare le proposta progettuali è necessario compilare l’Allegato 1 (Formulario di candidatura), che dovrà essere trasmesso a mezzo PEC all’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) della Ripartizione Politiche Educative Giovanili e del Lavoro: peg.comunebari@pec.rupar.puglia.it entro e non oltre le ore 12.00 del 23 maggio 2016.

Il sopralluogo presso l’edificio è strettamente consigliato e potrà effettuarsi dalle ore 8.30 alle ore 12.30 del 17 e 18 maggio 2016 previa prenotazione via email all’indirizzo v.marzano@comune.bari.it .

Le richieste di chiarimento andranno trasmesse esclusivamente a mezzo mail al seguente indirizzo: rip.pegs@comune.bari.it e dovranno riportare in oggetto la dicitura “Avviso ANCI”.