Bari, formazione short list di esperti paesaggisti-pianificatori e facilitatori per la redazione del PUG

logo Bari

Online l’avviso pubblico

BARI – È in pubblicazione da oggi sul sito del Comune di Bari, a questo link , l’avviso per la formazione di elenchi (short list) di esperti paesaggisti/pianificatori a supporto dell’Ufficio di Piano nella fase di partecipazione e formazione delle scelte urbanistiche per la redazione del PUG, e di facilitatori con esperienza di applicazione delle metodologie partecipative nell’ambito di processi di pianificazione e rigenerazione urbana.

Nelle more del perfezionamento delle procedure per le nuove assunzioni di personale, è infatti necessario integrare l’Ufficio di Piano di professionalità “esterne” che svolgano attività di supporto nella fase di partecipazione e formazione delle scelte; attivare, attraverso l’ausilio di facilitatori, attività di ascolto attivo della cittadinanza e degli stakeholder al processo di trasformazione di ampie aree del territorio cittadino interessate dai “progetti anticipatori”; realizzare percorsi di analisi e ricerca utili a portare avanti il lavoro di mappatura dei luoghi dell’abusivismo e dell’abbandono e di messa a punto di strumenti di valutazione delle iniziative di rigenerazione degli stessi alla luce di obiettivi di qualità ambientale, paesaggistica, insediativa.

Le professionalità esterne da individuare tramite l’avviso pubblico saranno cioè chiamate a svolgere attività di supporto all’Ufficio di Piano nelle ulteriori fasi di partecipazione e formazione delle scelte urbanistiche alla luce dei risultati del percorso, a gestire, tramite piattaforme telematiche, la serie di dati via via integrati, anche attraverso l’attivazione di programmi di ricerca relativi al censimento e all’analisi degli immobili abbandonati nonché a programmare e schedare l’attività di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza al processo di trasformazione del territorio.

L’Ufficio di Piano è fondamentale per assicurare il passaggio dal vecchio PRG al nuovo Piano Urbanistico Generale. Un PUG non è solo un progetto di città – sottolinea l’assessora all’Urbanistica Carla Tedesco -, è un processo che deve coinvolgere tutti gli attori territoriali. Per questo è necessario che le nuove regole e le nuove strategie diventino progressivamente patrimonio dei tecnici comunali, dei professionisti, degli operatori economici e di tutti i cittadini. Gli uffici comunali, che soffrono una grave carenza di personale, hanno bisogno di supporti esterni che assicurino l’interfaccia con il raggruppamento temporaneo di professionisti incaricato della redazione del PUG, con i cittadini e gli stakeholder. Le figure professionali che saranno selezionate (paesaggisti, pianificatori, facilitatori) attraverso questo avviso avranno, quindi, un compito di supporto fondamentale in questo percorso”.

A seguito della fuoriuscita di uno dei componenti, ieri il raggruppamento temporaneo di professionisti incaricato della redazione del PUG è stato ricostituito dinanzi al notaio, ed è ora composto dal prof. Stefano Stanghellini, prof. Francesco Cellini, arch. Francesco Nigro, e dalle società Mate e Telos.

Per accedere alla short list di esperti paesaggisti/pianificatori è richiesta laurea vecchio ordinamento o laurea specialistica o laurea magistrale in architettura, pianificazione territoriale, ingegneria civile, scienze agrarie, scienze forestali o titoli equipollenti. È richiesta anche l’abilitazione all’esercizio della professione e iscrizione all’Albo di appartenenza, una qualificata esperienza nell’ambito della libera professione o nell’ambito della pubblica amministrazione correlata a: redazione di strumenti urbanistici generali; redazione di strumenti finalizzati a recupero, riqualificazione, valorizzazione del paesaggio, a scala urbana e territoriale, capacità di utilizzo di sistemi informativi territoriali (GIS), e conoscenza del territorio.

Per accedere alla short list dei facilitatori è richiesta Laurea vecchio ordinamento o laurea specialistica o laurea magistrale in Architettura, Pianificazione Territoriale, Ingegneria Civile, Scienze agrarie, Scienze forestali o titoli equipollenti, in discipline umanistiche, sociali, economiche (in particolare, ma non in via esclusiva, in Sociologia, Scienze della Comunicazione, Psicologia). È richiesta anche l’abilitazione all’esercizio della professione e iscrizione all’Albo di appartenenza, e una qualificata esperienza nell’ambito della libera professione o nell’ambito della pubblica amministrazione correlata a: gestione di processi partecipativi, metodi e tecniche per l’ascolto e il coinvolgimento dei cittadini, con particolare riferimento al campo della pianificazione territoriale e rigenerazione urbana; costruzione di partenariati e coinvolgimento degli stakeholder nella progettazione e gestione degli interventi di trasformazione urbana, laboratori di progettazione partecipata, capacità di utilizzo dei principali programmi informatici di office automation e conoscenza del territorio.

I professionisti interessati potranno inviare la propria domanda di ammissione alla selezione, debitamente sottoscritta, che dovrà pervenire entro e non oltre le ore 12 del 6 dicembre 2017.