Bari, emergenza Coronavirus: nuove disposizioni di chiusure e controlli della polizia Locale

52

nuove disposizioni di chiusure

Vietato intrattenersi in parchi , giardini e piazze pubbliche. Proseguono i controlli della Polizia Locale alla luce dei nuovi divieti

BARI – In esecuzione della nuova ordinanza emanata nella serata di ieri dal Ministero della Salute, che vieta l’assembramento in parchi, giardini, aree giochi, piazze e ville pubbliche, da questa mattina una squadra di operatori reperibili di Multiservizi sta procedendo all’interdizione mediante l’utilizzo di nastro isolate di tutte le aree pubbliche su citate.

Da questa mattina si è proceduto a limitare l’accesso su piazza Umberto nel quartiere murattiano e su piazza Umberto a Carbonara, sulla spiaggia di Bari di Pane e pomodoro, alle panchine del lungomare e ai giardini di Piazza Eroi del mare, piazza Federico II di Svevia, piazza Massari, giardino Isabella d’Aragona, le panchine in corso Cavour, in corso Vittorio Emanuele e quelle presenti sulla Muraglia.

Le attività andranno avanti nelle prossime ore.

Nel frattempo proseguono i controlli della Polizia locale per il rispetto delle vigenti norme sanitarie emergenziali.

Nella notte è stato denunciato un cittadino che passeggiava, senza alcuna valida motivazione di legge, in Corso Vittorio Emanuele. Nella mattinata, invece, è stato identificato un runner che in violazione delle ultime disposizioni emanate nell’ordinanza di ieri del Ministero correva sul lungomare Imperatore Augusto sebbene residente al quartiere Libertà. Non mancano i controlli, attivati anche negli scorsi giorni, con i droni. Stamane, grazie al prezioso strumento tecnologico in dotazione al nucleo specialistico del Corpo di P. L. è stata individuata, da remoto, l’attività di un venditore di frutta e verdura lungo le strade del quartiere San Paolo. Lo stesso è stato identificato e sanzionato per aver anche trasgredito l’ordinanza comunale e il codice del strada.

Nel pomeriggio ci saranno ulteriori verifiche in altre zone della città.