Bari, domenica 28 in via A. Vaccaro “Piazze verticali”

16

 

terminati-lavori-a-bari-vecchia

Eventi di comunità promossi dalla rete del Welfare con abitanti della strada, artisti, associazioni, esercizi di vicinato e realtà del quartiere per ripartire insieme attraverso percorsi consapevoli e responsabili

BARI – Domenica 28 giugno via Arcivescovo Vaccaro, a Madonnella, diventa il palcoscenico di una grande arena con “Piazze Verticali”, la giornata di incontri e relazioni organizzata nell’ambito del format di innovazione sociale “La strada”, ideato dall’associazione Alibertà. L’appuntamento, promosso dall’assessorato al Welfare con la rete di Bari Social Book, Biblioteca dei ragazzi e delle ragazze, Educativa di Strada e Circo e Periferie, in collaborazione con l’assessorato allo Sviluppo economico, il Municipio I e l’associazione nazionale Carabinieri – sez. di Bari-Carbonara, vedrà la partecipazione dei residenti e di artisti circensi, musicisti, narratori, illustratori, educatori e volontari per dar vita a una giornata di comunità con un fitto programma di appuntamenti dalla mattina fino a tarda sera.

Nel rispetto delle attuali disposizioni per il contrasto al Covid-19, l’accesso alla strada sarà contingentato per i non residenti. Chi fosse interessato a partecipare agli atelier, agli incontri e ai laboratori letterari per adulti e bambini potrà prenotarsi telefonando allo 080 9262102 dalle ore 16 alle 18 di oggi, venerdì 26 e domani, sabato 27 giugno, oppure recarsi dalle ore 9 alle 10.30 di domenica 28 giugno direttamente presso l’info point che sarà allestito in via Arcivescovo Vaccaro.

Per l’occasione tutti i cittadini e le cittadine della strada sono invitati ad allestire i propri balconi con luci, colori e decorazioni: nel corso della giornata saranno infatti premiati i balconi e i condomini più creativi e allegri.

Alla realizzazione dell’evento contribuiscono: Alibertà, Parrocchia di San Giuseppe, RCU Madonnella, MEST, Arcoiris, ristopizza al Cantuccio 2, Antica caffetteria dell’angolo, profumeria Bel Amì, pasticceria Boccia, Ferrarese, Joy’s pub, asd Centro Sien, panificio Violante, libreria Zaum.

Questa idea progettuale è nata durante il lockdown e non a caso riguarda la strada, divenuta in questi mesi il luogo emblematico dei limiti imposti, il simbolo da cui ripartire in modo responsabile, cercando nuove forme di socialità – commenta l’assessora al Welfare Francesca Bottalico -. Il nostro obiettivo è quello di innescare un percorso di conoscenza di prossimità con il vicinato, per ritrovarsi a una “giusta distanza” in una vera e propria “piazza verticale” che coniughi la necessità di sicurezza con il bisogno di relazione. Perché questo avvenga, è fondamentale il coinvolgimento dei cittadini: ringrazio tutti i residenti, i commercianti, i volontari e le associazioni che hanno voluto essere al nostro fianco per questa prima esperienza. Senza di loro non ce l’avremmo mai fatta. Ringrazio anche Francesco Brollo, che ci ha proposto questa bellissima idea, e tutti gli autori e gli artisti che prederanno parte a questa giornata di partecipazione e di festa, un evento che vuole generare nuove relazioni positive nel rispetto delle misure previste per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19“.

La strada

Il progetto intende innescare nuovi modi di vivere la città e le relazioni di comunità. L’intento è quello di proporre due incontri esemplari di promozione e informazione, “Piazze Verticali” e “Cortili Animati”, per attivare un percorso a tappe su invito/chiamata del cittadino con le attività proposte negli incontri di promozione.

Tali attività, allocate in spazi urbani scelti a seconda delle caratteristiche logistiche e socio-urbanistiche specifiche – strade, condomini con presenza di cortili interni, in diversi luoghi della città – potranno diventare oggetto di appuntamenti continuativi (rubriche) e innescare pratiche virtuose di comunità attraverso il coinvolgimento attivo e responsabile degli esercizi commerciali di prossimità.