Bari, contributo per famiglie numerose: on line la graduatoria degli ammessi

113

Lo rende noto l’assessore Romano

logo BariBARI – L’assessora al Welfare Francesca Bottalico rende noto che è in pubblicazione la graduatoria, disponibile a questo link , relativa all’avviso pubblico per la concessione di contributi economici in favore delle famiglie numerose. L’amministrazione comunale, che intende sostenere e rafforzare i nuclei numerosi della città di Bari con un basso reddito, ha predisposto un programma di interventi in favore dei nuclei numerosi attraverso risorse provenienti da fondi regionali.

Destinatari degli interventi sono le famiglie – anche monogenitoriali – con certificazione ISEE rilasciata nel 2015 pari o inferiore ad 20.000 euro che abbiano quattro o più figli minori all’interno del nucleo familiare, compresi minori in affidamento familiare e in affido preadottivo, inclusi coloro che appartengono a uno Stato dell’Unione europea e minori extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo o di un permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno.

Attraverso questi contributi – commenta Francesca Bottalico – intendiamo consolidare gli interventi di accompagnamento e di sostegno rivolti alle famiglie numerose e monoparentali, ponendo particolare attenzione a coloro che vivono una condizione di maggior disagio socio-economico. Si tratta di un supporto finalizzato a sostenere l’accesso ai servizi per l’infanzia, a favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro di molti genitori, garantendo maggiori tutele dal punto di vista socio-sanitario grazie alla possibilità di ottenere un rimborso per le spese sostenute, e favorendo il mantenimento e l’ampliamento di percorsi socio-educativi, scolastici e formativi. Mi auguro che la Regione Puglia potenzi questa tipologia di risorse indirizzate ai Comuni, anche per compensare gli ingenti tagli ministeriali. Solo in questo modo potremo intervenire in materia di prevenzione e nell’area dell’adolescenza e dell’infanzia al fine di strutturare una programmazione a medio e lungo termine, finora di difficile realizzazione vista l’incertezza che caratterizza i fondi annuali riservati al Welfare. Il nostro obiettivo è garantire alle famiglie un sostegno costante, sia economico sia in termini di servizi, che auspichiamo possa essere maggiormente incisivo, anche attraverso l’attivazione del Red e nuovi fondi analoghi, e possa essere contraddistinto da criteri di accesso sempre più flessibili e vicini alle esigenze e ai cambiamenti sociali in atto”.

Sono due le linee di intervento adottate dall’amministrazione comunale (periodo di riferimento: 1 gennaio 2013 – 31 dicembre 2014):

* Linea di intervento 1: rimborso delle spese relative alla Tares/Tari per abitazione principale, alle rette versate agli asili nido comunali e al pagamento della mensa comunale nelle scuole d’infanzia e primaria
* Linea di intervento 2: rimborso delle spese sanitarie effettivamente sostenute (visite e cure mediche specialistiche, cure riabilitative, acquisto occhiali da vista, ecc.), di quelle relative al materiale didattico acquistato per l’istruzione dei figli (libri, spese per visite di istruzione scolastica, acquisto supporti informatici, attività sportive, ludiche, formative e culturali) e dell’eventuale abbonamento sottoscritto per l’utilizzo del trasporto pubblico comunale.

Il contributo sarà formalizzato nel rispetto della graduatoria e fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili che ammontano complessivamente a 180.544,48 euro, così suddivise: 135.408,36 euro per la linea di intervento 1 e 45.136,12 euro per la linea di intervento 2. L’importo del contributo complessivo spettante a ciascun nucleo familiare sarà pari alla spesa sostenuta e documentata dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre 2014, sino ad un massimo di 2.500 euro nei limiti delle risorse finanziate a disposizione.