Bari, condanna del sindaco sull’aggressione della giornalista Rai al Libertà

74

decaro in tribunale per costituzione parte civile nei processi sulle estorsioni

Solidarietà del primo cittadino

BARI – Il sindaco di Bari condanna duramente l’aggressione subiti dalla giornalista Rai Maria Grazia Mazzolla durante lo svolgimento del suo lavoro presso il quartiere Libertà in occasione della visita di Don Ciotti a Bari.

Quanto accaduto è inaccettabile. Non si può tollerare una violenza di questo tipo nei confronti di una donna e di una professionista impegnata nella ricerca di notizie e approfondimenti. Ancora più se questo accade durante la visita del fondatore di Libera, che apprezzabilmente ha scelto di testimoniare il suo impegno quotidiano contro le mafie, partendo dal quartiere Libertà. Quartiere da tempo ostaggio di organizzazioni criminali che pensano di esercitare un egemonia sul territorio, attraverso anche questi episodi di violenza. Come detto più volte, noi non voltiamo la testa dall’altra parte, e non permetteremo che il nome della nostra città possa essere affiancato ad episodi di questo tipo. Quel quartiere si chiama Libertà e deve essere liberato dalla criminalità organizzata”.