Bari, “I Concerti del Politecnico”: il 22 gennaio la presentazione

12

L’iniziativa, alla quinta edizione, è organizzata dal Poliba e ARCoPu con il sostegno del Ministero della Cultura e della Regione Puglia.La musica, suono della matematica, sarà il tema della rassegna musicale 2024

BARI – Il rapporto fra matematica e musica è sempre stato molto stretto. Le due discipline sono così fortemente legate fra loro che, nel sistema del sapere medioevale, la musica faceva parte del “Quadrivium”, insieme all’aritmetica, alla geometria e all’astronomia. Tale insieme rappresentava il ramo scientifico dello scibile umano del tempo.
Lorenz Christopher Mizler von Kolof, (1711-1778), matematico, medico, allievo di composizione di Johann Sebastian Bach classificò il rapporto, matematica-musica, in una citazione: “la musica è il suono della matematica”.
Questa relazione, sostenuta da von Kolov, caratterizzerà la quinta edizione de “I Concerti del Politecnico”, anno accademico 2023/2024 e che si svilupperà in un programma, sino a giugno prossimo.
La manifestazione, organizzata dal Politecnico di Bari e da ARCoPu, l’Associazione Regionale dei Cori di Puglia, con il sostegno del Ministero della Cultura e della Regione Puglia, è la stagione concertistica annuale di Poliba-Arcopu. L’intento è quello di offrire, come avvenuto con successo nelle precedenti quattro edizioni, principalmente agli studenti del Poliba a vocazione più tecnologica e scientifica ma, più in generale al pubblico, occasioni di incontro con la musica, la filosofia, l’arte, la scienza e la poesia. L’iniziativa è gratuita e dunque aperta a tutti.

I Contenuti, gli appuntamenti, gli ospiti della quinta edizione de “I Concerti del Politecnico” saranno presentati lunedì, 22 gennaio, ore 10,30, al Politecnico di Bari, nella Sala del Consiglio (via Amendola, 126/b).
Parteciperanno: il Rettore del Politecnico di Bari, prof. Francesco Cupertino, il Presidente di ARCoPu, maestro Pierfranco Semeraro, i delegati all’organizzazione della manifestazione: Mariangela Turchiarulo, Francesco Martellotta, Sergio Lella.