Bari, cantieri di cittadinanza: 19 tirocini trasformati in contratti di lavoro

Decaro: “Presto nuovo bando di cantieri di cittadinanza”

logo BariBARI – Nell’ambito del progetto Cantieri di cittadinanza, la misura promossa dal c omune di Bari volta al reinserimento lavorativo e sociale di soggetti in condizioni di povertà, ben 19 tirocini formativi sono stati trasformati in altrettanti contratti di lavoro a tempo indeterminato e determinato.

Dall’ultimo dato che abbiamo annunciato alla fine del 2015 i risultati continuano a essere incoraggianti – dichiara l’assessora Paola Romano- . Sul progetto dei “C antieri di cittadinanza” che ha riguardato la fascia di popolazione per molti versi più colpita dalla crisi del mercato del lavoro (30-55) , siamo passati da 4 a 10 assunti su un totale di 27 tirocini terminati. Questo significa che più di un terzo delle persone che hanno concluso il periodo di tirocinio oggi hanno un contratto di lavoro e una possibilità di tornare ad essere soggett i attiv i nel mercato del lavoro e nella società. Si amo soddisfatti anche della risposta che abbiamo, ad oggi, sul progetto Neb.soc che ha riguardato cittadini con più di 55 anni segnalati dai servizi sociali . Anche in questo caso i numeri crescono, seppur più lentamente, da 7 a 9 , confermando la volontà delle imprese del territorio di investire sulla professionalità e l’esperienza di tanti nostri concittadini”.

Anche in queste settimane continuano i colloqui per attivare nuovi tirocini. Sono stati effettuati 1 970 colloqui per 3 65 cantieri di cittadinanza attivati (2 81 cantieri + 84 progetto Nebsoc).

Ci auguriamo che le aziende coinvolte continuino ad assumere – ha dichiarato il sindaco Decaro – e a valorizzare questa esperienza che si sta dimostrando utile non solo sul fronte occupazionale ma anche per rispondere a molteplici esigenze del territorio, così come la riapertura della biblioteca del Redentore è stata resa possibile anche grazie all’impiego di quattro persone tramite i “ cantieri” . In questo modo stiamo cercando di integrare più azioni promosse dall’amministrazione comunale per innescare un processo virtuoso di condivisione e assunzione di responsabilità tra tutti i soggetti, istituzionali e non, del territorio. Contiamo nei prossimi mesi di attivare un secondo ciclo del progetto cantieri di cittadinanza che potrà incrociarsi con le altre misure promosse dalla Regione Puglia, come RED che puntano a sostenere e ri-attivare le persone che vivono momenti di difficoltà a causa della drammatica crisi economica che ha colpit o negli ultimi anni anche la nostra Regione”.