Bari, area pedonalizzata di via Martiri d’Otranto: presto verranno installati archetti metallici fissi per delimitare la zona

35

Lo rende noto l’assessore Galasso

logo BariBARI – Questa mattina l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso ha effettuato un sopralluogo in via Martiri d’Otranto, nell’isolato interdetto al traffico di fronte all’istituto salesiano del Redentore, per verificare la possibilità di installare delle strutture fisse che delimitino l’area pedonalizzata, istituita dall’amministrazione comunale qualche mese fa.

Nel giro di due settimane saranno, quindi, montati complessivamente otto archetti metallici, quattro per lato, a distanza di circa 1,20 metri l’uno dall’altro. La decisione è stata presa a seguito dell’ennesimo episodio di vandufalismo, che vede spesso le transenne temporanee ribaltate da ignoti.

Ieri notte si è verificato l’ennesimo episodio – commenta Galasso – ma è solo l’ultimo di molti altri. Spesso, infatti, le transenne vengono ritrovate per terra, anche in assenza di raffiche di vento. Per questo motivo abbiamo deciso di montare degli archetti fissi, anche perché in questo tratto stradale non ci sono accessi carrabili di nessun genere e quindi non occorre assicurare alcuna transitabilità alle auto. In questo modo evitiamo anche l’eventualità che i cittadini possano inciampare, nel caso in cui non dovessero accorgersi delle transenne per terra.

Ovviamente si tratta di una misura transitoria in attesa della riqualificazione generale di piazza Redentore, il cui progetto sarà finanziato nell’ambito del bando nazionale Periferie, cui abbiamo partecipato classificandoci al primo posto. Stiamo già lavorando al progetto definitivo, che contiamo di approvare entro massimo tre mesi, perché il nostro obiettivo è redigere subito il progetto esecutivo in modo da poterlo mandare in gara entro la fine dell’anno. L’intera area pedonale, estesa anche a quella che sarà la futura piazza Redentore è già da qualche settimana monitorata con 7 telecamere, rispettando così l’impegno che avevamo preso con i residenti e cioè di anticipare la videosorveglianza rispetto ai lavori di riqualificazione. A breve, nello stesso tratto pedonalizzato di via Martiri d’Otranto, sarà installata anche una delle tre nuove Case dell’acqua, ospitata in locali messi a disposizione dall’istituto salesiano, ma accessibili a chiunque dall’esterno. L’apertura delle tre nuove Case dell’Acqua, compresa questa, è prevista entro la fine mese di aprile”.