Bari, al via i lavori per la costruzione della palestra della scuola media Levi Montalcini a Torre a Mare

lavori costruzione palestra scuola levi montalcini a torre a mare

Sopralluogo dell’assessora Romano

BARI – Questa mattina l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano ha effettuato un sopralluogo a Torre a Mare in occasione dell’avvio dei lavori per la realizzazione di una palestra coperta annessa alla scuola media “Rita Levi Montalcini” che sorgerà al posto dell’immobile che ospitava due sezioni della adiacente scuola materna “Ardito”. I primi interventi, che dureranno qualche giorno, riguardano la rimozione di infissi, porte finestre e di tutti gli elementi diversi dalla muratura. Il passaggio successivo sarà la demolizione vera e propria del manufatto.

La palestra, completa di spogliatoi e servizi, sarà un corpo autonomo posizionato in modo tale da essere utilizzato anche in orari extrascolastici, in quanto dotato di accesso esterno. Ciò consentirà all’intero quartiere di utilizzare la nuova struttura sportiva indipendentemente dalle attività scolastiche.

La demolizione dell’immobile e i successivi scavi per la posa della fondazioni della nuova palestra saranno completati entro l’inizio dell’anno scolastico, al fine di creare meno disagi possibili agli alunni. Il tempo stimato per la costruzione della palestra è pari a un anno.

Si tratta di un intervento molto atteso dalla comunità scolastica di Torre a Mare – commenta Paola Romano – in quanto la scuola Montalcini non ha mai avuto uno spazio coperto per l’attività fisica degli alunni. Quanto ai bambini che frequentano le due sezioni della scuola Ardito, inizieranno regolarmente l’anno scolastico presso la vicina scuola materna Aquaro, in via Morelli e Silvati, dove i lavori per l’allestimento delle aule sono ormai quasi ultimati”.

Il cantiere della scuola Aquaro, infatti, riguarda la ristrutturazione della palazzina che ospitava l’abitazione del custode, che sarà trasformata in modo da realizzarvi nuove aule scolastiche, e dei locali limitrofi, finora utilizzati come sede di alcuni servizi sociali, che invece ospiteranno le classi della materna “Ardito”, che verranno accoppiate a due altre sezioni esistenti.