Andrea Baccassino a Lu Mbroia di Corigliano d’Otranto

4

andrea baccassino

CORIGLIANO D’OTRANTO (LE) – Venerdì 13 agosto all’Art&Lab Lu Mbroia di Corigliano d’Otranto, il musicista, cabarettista ed autore Andrea Baccassino festeggia 25 anni di carriera con un concerto speciale. Accompagnato dalla band BàshaKa Indie e da tanti ospiti, proporrà il meglio di un quarto di secolo di canzoni, parodie, storie, monologhi. Il musicista neretino si dedica all’arte e allo spettacolo sin da piccolo per esordire come cabarettista nel 1996 con lo spettacolo “Alzamene il Brodo”, che conteneva le famose canzoni “Spunta lu mieru intra ‘ll’otte”, “Trusiana” e “Lu semiasse non bale”. Attivo tanto nelle piazze quanto sul web con il suo BacCanale, attualmente milita in diverse formazioni musicali che gli permettono di spaziare dal cabaret in senso stretto alla musica d’autore, al progressive e al rock.

Sabato 14 agosto un ospite fisso dellu Mbroia: Mino De Santis. Testimone di usi e tradizioni del meridione e del Salento, di storie di vita tra il triste e il comico, senza perdere mai l’ironia e la musicalità tipica dei cantautori italiani. In scaletta, oltre ai suoi brani divenuti ormai “classici”, anche le canzoni di “Sassidacqua”, ultimo progetto discografico pubblicato dall’etichetta Il Cantiere con la produzione esecutiva dell’Associazione Civilia, nel quale duetta con Giuliano Sangiorgi, il leader dei Negramaro, nel brano “Caddhripulina” e vanta la presenza delle cantanti Cristina Verardo e Marta De Giuseppe.

Domenica 15 agosto si festeggia Ferragosto con Les Trois Lézards. Il quartetto guidato da Emmanuel Ferrari (fisarmonica e voce) e composto da Giovanni Chirico (sax), Roberto Chiga (percussioni) e Giorgio Distante (tuba) propone un viaggio nella musica popolare della Tadjiguinie, paese della Tarantella-Gitano-Guinguette, ai confini immaginari tra Francia, Italia e Balcani. Con questo progetto Ferrari, dopo l’esperienza della band Troublamours, ha voluto dare una nuova vita alle sue musiche: il valzer francese e la tarantella si lasciano influenzare dalle sonorità balcaniche tra musiche popolari, d’autore, jazz e swing.

Lunedì 16 agosto appuntamento con Yarákä Ensemble, un interessante progetto che propone un percorso radicato nella tradizione popolare brasiliana, rivisitazione di autori tradizionali e contemporanei, un lavoro di ricerca attento ad esaltare la componente multietnica, in particolar modo quella matrice ritmica proveniente dall’Africa, contaminazioni che evocano sfumature orientali e del bacino mediterraneo. Yarákä nasce nel 2015 quando il chitarrista Gianni Sciambarruto, appassionato e affascinato dalla varietà culturale brasiliana, decide di riunire una formazione acustica composta da musicisti provenienti da percorsi differenti ma che proprio per questo potessero contribuire a costruire un’idea di suono particolare. La musica proposta dagli Yarákä è un momento di comunicazione e scambio rivolto a tutti coloro che vogliono accogliere a cuore aperto la freschezza della musica brasiliana nel caldo abbraccio d’Africa.

La programmazione de Lu Mbroia proseguirà con Ravian con Nabil Bey & Pejman Tadayon per Le vie del Melograno Festival (mercoledì 18), Kërkim (giovedì 19), Viaggio nella storia del Jazz con Valentina Grande e Claudio Tuma (venerdì 20 e sabato 21), Lamorivostri (domenica 22), Taxidi (lunedì 23), Ghetonìa (venerdì 27 e sabato 28), Redi Hasa (domenica 29).