All’Apicola Pierluigi Petrachi di Melendugno il riconoscimento nazionale “Miele del Sindaco 2019”

ierluigi petrachi (foto raffaele puce)

I dettagli

MALENDUGNO (LE) – Il miele è tornato a Melendugno a distanza di settant’anni recuperando di diritto una precisa identità storica ed entrando nel circuito nazionale delle Città del Miele. I frutti di questo rinnovato entusiasmo non si sono fatti attendere: è di questi giorni, infatti, la notizia dell’Apicola Pierluigi Petrachi di Melendugno che è stata insignita del prestigioso riconoscimento nazionale il “Miele del Sindaco 2019”, un concorso organizzato dall’associazione nazionale “Le città del miele”, della quale Melendugno fa parte in qualità di unica città in Puglia.

A conquistare il primo posto nella speciale graduatoria è stato il miele tipico del territorio con fioriture rivenienti da “fieno greco”, una pianta tipicamente salentina che produce un nettare raro da valorizzare.

È con orgoglio e soddisfazione che facciamo i complementi a Pierluigi, ma è doveroso da parte nostra ringraziare anche le nostre api ed il nostro territorio che offre delle fioriture uniche, una di queste è proprio il fieno greco – commenta il sindaco di Melendugno, Marco Potì – Pierluigi Petrachi e questo premio rappresentano bene e riconoscono il valore di tutto il fantastico movimento apistico Melendugnese e Borgagnese, che intorno a questa tradizionale e ottima produzione, sta creando un interesse veramente sorprendente, fatto di apicoltori, appassionati, giovani che vogliono rilanciare questa vecchia attività ed animare sempre di più la nostra “città del Miele”. A tutti loro i nostri complimenti più sinceri, a noi amministratori (con in testa il presidente del Consiglio Comunale Piero Marra) la determinazione di accompagnare e promuovere, sempre di più e sempre meglio, questo settore strategico e proteggere le nostre api ed i nostri fiori, minacciati da pratiche agricole aggressive e pericolose o provvedimenti normativi assurdi da modificare (come lo sfalcio obbligatorio di preziose piante e fiori per evitare il proliferare di Xylella fastidiosa)“.

Questo riconoscimento va innanzitutto al territorio – afferma Pierluigi Petrachi – poiché è lui ad offrirci queste fioriture, e un ringraziamento particolare va all’associazione Città del Miele e al Comune di Melendugno che ha sposato all’unanimità la nostra causa. Per il futuro speriamo di poter migliorare in termini di valorizzazione del prodotto aumentandone la produzione. A tal proposito, sarebbe utile un’ordinanza che ci permettesse di aumentare la permanenza del fieno greco sul campo allungando il periodo dello sfalcio e delle arature. In tal modo potremmo aumentare la produzione di questo prezioso e raro miele che si produce solo nel Salento“.