A Trani la presentazione del progetto “Salta rischio”

Il progetto vede protagonisti Comune, Asl ed Auser

logo comune di TraniTRANI – Giovedì 24 marzo alle 10 nella sala Giunta del Comune di Trani verrà stipulato un protocollo d’intesa tra Comune, Asl Bt e l’associazione tranese Auser per dare avvio ad un progetto denominato “Salta rischio” rivolto alla popolazione anziana della città di Trani.

Il progetto avvia una sperimentazione nell’ambito della prevenzione dei rischi di incidenti domestici, spesso predittivi di esiti infausti. Per sviluppare questa iniziativa, utile in un periodo di forte contrazione dei costi sociali e sanitari, si utilizzerà la metodologia del lavoro di rete, con la finalità di favorire una politica coordinata di prevenzione, tutela e promozione della qualità della vita, della salute e della incolumità della popolazione over 65. Si rivolge alla popolazione over 65 autosufficiente, ovvero agli anziani non autosufficienti, residenti nel Comune di Trani, sia fruitori dei servizi di assistenza domiciliare che non, e ai loro familiari.

L’incidenza degli incidenti domestici è direttamente proporzionale all’aumentare dell’età, in funzione di un fisiologico decadimento fisico della persona e dell’abitazione in cui vive, spesso non progettata in funzione delle sue mutate esigenze. Nella città di Trani si registra una popolazione anziana (65 anni e oltre) pari a 9.961, il 17,71% della popolazione residente. Il numero delle persone molto anziane, i cosiddetti “grandi vecchi” (85 anni e oltre) è passato da 813 (anno 2007) a 1171 (anno 2015), per una proporzione che è aumentata dall’1,51% al 2,08% (rilevazione Istat 2015).

Il Progetto “Salta rischio” è stato promosso dalla Auser di Trani ed ha trovato la piena adesione del Comune di Trani e della Asl Bt per il tramite del Distretto sociosanitario in quanto rientra nella più ampia politica di promozione e valorizzazione dell’invecchiamento attivo avviata in modo sinergico tra l’assessorato alle politiche sociali del Comune di Trani e il Distretto sociosanitario numero 5.

Con il protocollo d’intesa verranno sanciti gli obiettivi specifici dell’attività (triennale) e verranno delineati i risultati attesi. Il documento sarà firmato congiuntamente dal direttore generale della Asl Bat, Ottavio Narracci, dal sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, e dal presidente dell’associazione Auser di Trani, Antonio Corraro.