Confcommercio Lecce, Iurlano presenta provvedimento d’urgenza

corrado iurlano

“Vogliamo chiarezza su elenchi soci e verbali”

LECCE – Non hanno sortito l’effetto sperato le svariate richieste di Corrado Iurlano, candidato alla presidenza di Confcommercio Lecce, di poter visionare verbali ed elenco soci dell’associazione di categoria. Questa mattina, infatti, Iurlano si è visto costretto a ricorrere alla Giustizia per far valere i suoi diritti di socio e candidato: sostenuto dal gruppo di Forza alle Imprese, Iurlano ha presentato un “700”, un provvedimento d’urgenza al Tribunale di Lecce nel quale si richiede la consegna da parte dell’associazione della documentazione relativa all’assemblea svoltasi lo scorso 11 maggio, i verbali e l’elenco dei partecipanti con le deleghe di chi non era presente fisicamente. Questa richiesta era stata già presentata il 17 maggio senza avere risposta alcuna. Contestualmente, il candidato ha reiterato la domanda di avere l’elenco dei soci aderenti alla Confcommercio, in particolare di quelli aventi diritto al voto. La documentazione richiesta serve, da un lato, ad accertare che nel corso dell’assemblea non vi siano state irregolarità, dall’altro ad assumere elementi utili alla campagna elettorale in corso, vale a dire l’elenco soci.

Resta ancora da sciogliere il nodo circa la morosità dei soci di Confcommercio. Rizzo ha parlato del 60% di iscritti morosi, cifra che a noi risulta inesatta in quanto la proporzione è di 700 in regola su 8.000 morosi, allora ci chiediamo perché non sollecitarli a regolarizzare la loro iscrizione anziché rivolgere una particolare e sospetta attenzione alle nuove iscrizioni e alle loro modalità?“, commenta Iurlano, “Continueremo imperterriti la nostra battaglia contro l’ostruzionismo imperante nell’attuale governance di Confcommercio: vogliamo un futuro di trasparenza e attivismo dei soci. Ancor prima di convocare un’assemblea elettiva, non sarebbe il caso di fare chiarezza sul numero reale degli associati e degli aventi diritto al voto?“.