XIII edizione Bif&st, il Comune di Bari al lavoro per il fuori festival

13
TEATRO PETRUZZELLI – BARI
foto di Vito Mastrolonardo

L’assessorato allo Sviluppo economico invita le attività commerciali della città per costruire un programma di attività collaterali

BARI – Come noto, da sabato 26 marzo a sabato 2 aprile si terrà a Bari, nei Teatri Petruzzelli, Piccinni, Kursaal Santalucia e Margherita, la tredicesima edizione del Bif&st-Bari International Film&Tv Festival, promossa dalla Regione Puglia e dalla Fondazione Apulia Film Commission con la collaborazione di Comune di Bari, Confindustria e ANCE Bari e BAT, PugliaPromozione e Bcc Bari e con il patrocinio dell’Associazione produttori audiovisivi (APA).

L’amministrazione comunale, con l’obiettivo di amplificare le connessioni tra il festival e la città e coinvolgere cittadini e attività economiche durante le giornate della manifestazione, sta lavorando a un programma di appuntamenti collaterali da tenersi parallelamente agli appuntamenti del Bif&st. In quest’ottica, l’assessorato allo Sviluppo economico, di concerto con l’assessorato alle Culture, ha lanciato una call rivolta agli esercizi di vicinato e ai pubblici esercizi dei quartieri centrali della città, dove ha luogo il festival, al fine di costruire un calendario condiviso di iniziative da svolgersi nelle stesse giornate della kermesse cinematografica. Il programma del cosiddetto “fuori Bif&st” si comporrà sia di iniziative commerciali sia di eventi culturali e artistici promossi dall’amministrazione comunale in collaborazione con altri enti e associazioni.

Da diversi anni il Bif&est è una realtà importante della città di Bari e per la città di Bari – spiega l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone –. Con la riapertura dei grandi contenitori culturali pubblici il legame di questa manifestazione con la città è diventato ancora più forte e simbolico. Per questo, come amministrazione crediamo sia arrivato il tempo di coinvolgere maggiormente cittadini e attività commerciali durante queste giornate creando una serie di connessioni tra festival e cittadini anche al di fuori dei teatri, che pure restano i luoghi principali dedicati agli eventi. Vogliamo che tutti, anche coloro che non riescono a partecipare alle proiezioni o alle masterclass, possano vivere l’energia e il clima del Bif&st. Cominciamo dalle attività economiche limitrofe ai luoghi del festival attraverso questa call, che ha come obiettivo quello di stilare un programma parallelo di iniziative che puntino a coinvolgere la città, prima e dopo le proiezioni. A queste attività si aggiungeranno gli appuntamenti curati dall’assessorato alle Culture in collaborazione con Apulia Film Commission, associazioni e altri enti con cui siamo già al lavoro. Ci auguriamo che la nostra edizione zero del Fuori Bif&st possa vedere la partecipazione di tante attività e crescere negli anni con gli stessi risultati ottenuti dal Bif&st, ormai divenuto patrimonio di Bari e della Regione Puglia“.

A titolo esemplificativo, le iniziative che le attività commerciali potranno proporre:

· allestimento delle vetrine a carattere cinematografico

· degustazioni a tema

· produzione di piccoli eventi (mostre, presentazioni di libri, proiezioni, dj set, ecc.).

Ad esito della call, che rimarrà aperta fino al prossimo 16 marzo, l’amministrazione comunale si impegna a comunicare attraverso i propri canali, e in un unico programma, le attività proposte durante il festival.