Usuraio con reddito di cittadinanza, arrestato 40enne a Bari

2

BARI – Faceva l’usuraio guadagnando fino al 120% di interessi su prestiti annui stimati in circa 80mila euro ma percepiva il reddito di cittadinanza. La Guardia di Finanza ha arrestato un 40enne barese per i reati di usura ed esercizio abusivo dell’attività del credito. Stando alle indagini, coordinati dalla pm della Dda di Bari Bruna Manganelli, l’uomo, anche nel periodo di detenzione domiciliare, prestava denaro a usura con tassi di interesse fino al 120% a piccole imprese, privati cittadini e anche ragazzi molto giovani che ne avevano bisogno per acquistare casa o per mantenere un tenore di vita elevato.

L’inchiesta, partita da una segnalazione anonima nel gennaio 2019, ha accertato una decina di vittime e un giro di usura cominciato almeno nel 2012. Attraverso intercettazioni, appostamenti e video-riprese, indagini finanziarie e testimonianze delle vittime, i finanzieri hanno ricostruito l’attività illecita, che sarebbe continuata anche mentre l’uomo, con precedenti per rapina e traffico di droga, era detenuto agli arresti domiciliari perché espiava una condanna per reati di falso.

“Nel corso delle indagini – fanno sapere i finanzieri – si è registrata una certa reticenza da parte degli usurati che, avendo timore della figura criminale del soggetto, gravato da numerosi precedenti di polizia, omettevano di denunciarne l’operato”. Dalle verifiche è inoltre emerso che il 40enne, ora finito in carcere e destinatario di un sequestro di beni, percepiva anche il reddito di cittadinanza per aver dichiarato di non avere entrate. E’ così partita la comunicazione all’Inps per la revoca del sussidio.