Ultimata la progettazione preliminare di “Parco Michelangelo” a Castellana Grotte

25

parco michelangelo

CASTELLANA GROTTE (BA) – Ultimata la progettazione preliminare di “Parco Michelangelo”, uno spazio multi-funzionale da realizzare in un’area in disuso tra via Michelangelo Buonarroti e via Vincenzo Fato a Castellana Grotte, destinata al miglioramento dello stile di vita di adulti e bambini. Grazie agli spazi aperti per il tempo libero, come la zona ludica per il gioco dei più piccoli, l’area fitness, lo skatepark, l’area sgambamento cani ed agli spazi dedicati all’incontro ed alla cultura, come gli ambienti coperti fruibili durante tutto l’anno, l’area si propone anche a servizio di eventi pubblici e associativi con un anfiteatro per gli spettacoli all’aperto.

Un’idea nata dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Francesco De Ruvo portata avanti con un innovativo percorso di progettazione partecipata. Lo scorso marzo, infatti, sono pervenute ben 661 risposte al questionario denominato “Parco Michelangelo” diffuso per comprendere le reali esigenze e desideri della comunità per lo spazio. A seguito di tale indagine è nato il progetto alla base dello studio di fattibilità che la progettista l’Architetto Manuela Mazzarelli, coadiuvata dall’Architetto Paola Bianco, ha depositato presso l’ente comunale con la supervisione della Responsabile dei Lavori Pubblici, l’Architetto Marcella Marrone.

La proposta progettuale dello studio di fattibilità tecnico ed economica dell’area – ha dichiarato l’assessore ai Lavori Pubblici Franca de Bellis – segue i principi del benessere e della socialità, attraverso una progettazione ecologica, sostenibile ed accessibile, che si pone l’obiettivo di dotare il quartiere degli adeguati standard urbanistici di verde, parcheggi, luoghi a servizio delle esigenze dei residenti e spazi attrezzati per il tempo libero e la cultura a servizio della più vasta utenza cittadina, inseriti nel contesto di un parco urbano“.

Per realizzare il progetto saranno necessari in totale circa 2 milioni di euro compresi gli espropri. L’area, infatti, non è totalmente di proprietà dell’ente.

Il progetto – ha specificato l’assessore de Bellis – è sicuramente molto innovativo e servirà a dare finalmente alla cittadinanza un’area polifunzionale dove svolgere attività ludiche e sociali. Al momento lo abbiamo segnalato alla Città Metropolitana che sta effettuando in questi mesi un’attività di conoscenza per capire le esigenze del territorio. In attesa di candidarlo a bandi di finanziamento extra-comunali abbiamo suddiviso il progetto in stralci funzionali. Contiamo già nel prossimo bilancio di mettere a disposizione del settore una prima tranche di somme per avviare un primo stralcio del progetto ed iniziare a realizzare l’opera che regalerà alla cittadinanza un nuovo parco urbano al servizio di tutti“.