‘Tre dialoghi e una comica’ il 18 febbraio il libro di Giuse Alemanno

103

Al Fondo Verri di Lecce la presentazione del suo ultimo volume

Tre dialoghi e una comica - Giuse AlemannoLECCE – Verrà presentato sabato 18 febbraio 2017, alle ore 19.30, presso il Fondo Verri di Lecce (Via S. Maria del Paradiso, 8), l’ultimo libro di Giuse Alemanno, intitolato ‘Tre dialoghi e una comica finale’.

Il volume, pubblicato dalla casa editrice salentina Edizioni Città Futura, si presenta come una raccolta di brevi testi teatrali, attraverso i quali Giuse Alemanno pone sulla scena, con ironia, alcuni personaggi della storia passata e presente e mette in evidenza determinati aspetti della società di oggi, utilizzando anche protagonisti anonimi, identificati semplicemente attraverso un ‘lui’ o ‘lei’.

Il primo testo è un’ intervista semiseria ad Alessandro Manzoni, il quale ricorda con orgoglio gli episodi più significativi della sua esistenza, mentre il secondo ‘dialogo’ è quello tra un politico italiano in decadenza e un attore che dovrebbe impersonare il suo cane Dudù. Un altro pezzo riguarda la cronaca di una coppia ormai in piena crisi, la ‘comica finale’, invece, vede due cowboy affrontarsi in un duello immaginario e quasi surreale.

Teatro, storia e sociale si fondono in un unico libro, quindi, riuscendo a strappare anche un sorriso al lettore. È questa una delle caratteristiche principali della scrittura di Giuse Alemanno, il saper raccontare la realtà che ci circonda in maniera dolce e sarcastica allo stesso tempo.

GIUSE ALEMANNO

Giuse Alemanno è nato a Copertino, cresciuto a Manduria, vive attualmente a Taranto. Esordisce sulla scena letteraria nazionale grazie al Corriere della Sera che, nell’aprile del ’96, pubblica il racconto breve ‘Il Padrone’. Da sempre impegnato nella politica e nel sociale, è stato vicedirettore della Voce del Popolo di Taranto, ha collaborato con numerose testate ed ha vinto vari premi letterari. “Affari Italiani” ha inserito Giuse Alemanno nell’elenco pugliese della ‘meglio gioventù’ della nuova letteratura italiana.

Tra i suoi ultimi lavori: “Invisibili – vivere e morire all’Ilva di Taranto”, “Io e l’Ilva – monologo metalmeccanico”, “Benvenuti a Cipìernola – ovvero: Don Fefè e Ciccillo coinvolti nell’intricata vicenda che riguardò la gatta immobile Brici, la lotta di classe, la Sacra Reliquia di Sant’Antonio Abate e la cacciata del Satanasso Gasparotto” ; “Tre dialoghi e una comica finale” è il suo ottavo romanzo.

Dialogherà con l’autore Raffaele Gorgoni, mentre l’attore Stefano Zizzi interpreterà alcuni passi tratti dal libro, modera Mauro Marino. Ingresso libero.