Taranto, inaugurata la sede regionale che ospita il TaLab

11

TARANTO – “La missione di questo spazio è chiara: qui prenderà forma la grande visione del Piano strategico con una stretta sinergia tra Regione Puglia, Comune di Taranto, la Provincia e i Comuni dell’area e soprattutto con i cittadini. Lo spirito è quello di coinvolgere l’intera comunità. Una programmazione è tanto più efficace se parte dal basso e viene condivisa. Questo laboratorio consentirà alla città di programmare il proprio futuro nei prossimi venti o trent’anni. In questo momento Taranto ricomincia a pensare che il suo futuro non può più essere quello di una volta. Il suo futuro deve aprire a ciascun cittadino possibilità di vita buona, in salute, con dignità e lavoro”. Con queste parole il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha inaugurato oggi a Taranto insieme al Sindaco Rinaldo Melucci la sede regionale che ospita il TaLab, il laboratorio urbano pensato da Asset Puglia (Agenzia regionale strategica per la sviluppo ecosostenibile del territorio) che insieme con il Comune si occuperà del Piano strategico che coinvolgerà tutta la provincia ionica. Una squadra di ingegneri e architetti che, in stretto coordinamento con il Comune, avrà il compito di pensare e realizzare tutti quegli interventi in grado di ridisegnare il nuovo volto della città e di accompagnarla al grande evento dei Giochi del Mediterraneo del 2026.

Questo laboratorio urbano – spiega il sindaco Rinaldo Melucci – è la risposta a un’esigenza che avvertiamo costantemente: mettere a sistema le migliori competenze del territorio, affinché si inneschi un reale cambio di paradigma. TaLab è più di una manifestazione di vicinanza della Regione Puglia a Taranto, quindi, è l’opportunità di ampliare gli strumenti utili a definire quel modello alternativo di sviluppo che abbiamo immaginato per la nostra città. TaLab sarà il braccio operativo del Piano Strategico “Taranto Futuro Prossimo”, come l’Urban Transition Center lo è già nel realizzare gli obiettivi previsti dal nostro grande piano di transizione “Ecosistema Taranto”. Con i professionisti di TaLab faremo molta strada insieme, disegnando la città che celebrerà nel 2026 i XX Giochi del Mediterraneo”.

Per l’assessore regionale allo Sviluppo economico Cosimo Borraccino: “Il progetto TaLab rappresenta per tutta l’area jonica una straordinaria opportunità, da un lato, per supportare l’azione amministrativa degli enti locali interessati dal Piano strategico “Taranto Futuro Prossimo”, nella realizzazione degli interventi di pianificazione e di rigenerazione urbana previsti, valorizzando il coinvolgimento, il contributo e la condivisione dei cittadini, e, dall’altro, per mobilitare investimenti privati finalizzati a incrementare l’attrattività e la competitività di tutto il territorio coinvolto. Si tratta, quindi, di una iniziativa che si rivolge in particolare agli enti locali e alle strutture pubbliche e private aventi rilevanza strategica per Taranto e che sono certo saprà dare un impulso significativo allo sviluppo di tutta l’area vasta jonica, con positive ricadute in termini di crescita economica e incremento occupazionale. Il nostro obiettivo è quello di implementare, nel capoluogo jonico, un nuovo modello di sviluppo fondato sulla sostenibilità ambientale e sulla chiusura dei cicli produttivi, in modo da liberare questo territorio dal ricatto occupazionale imposto, per troppi anni, dalla grande industria siderurgica. Il Laboratorio “TaLab” sono certo che saprà fornire un contributo determinante in questa direzione, costruendo importanti sinergie tra enti locali, sistema produttivo e cittadini che hanno a cuore lo stesso obiettivo: il benessere di questo territorio e di questa comunità”.

La grande sfida di Taranto si chiama Mediterraneo, la città torna lì dove tutto è iniziato e si candida a essere una rinata perla di questo mare che ha fatto grande la sua storia” ha detto nel suo intervento Elio Sannicandro, direttore generale di Asset Puglia “ Oggi, in questa sede tarantina della Regione Puglia, abbiamo dato il via a quel laboratorio urbano chiamato TaLab, un progetto del Piano strategico di Taranto: una struttura snella ed efficiente a supporto del Comune di Taranto, della Provincia e degli enti territoriali che ricadono nello spazio di azione dello stesso Piano Strategico, uno strumento a disposizione della comunità per immaginare e disegnare il futuro”.

TaLab è diviso in tre aree:

tecnica (si occuperà di sviluppare progettualità su quelli che sono gli interventi infrastrutturali del territorio tarantino, dalla mobilità ai trasporti, dalla rigenerazione urbana all’impiantistica sportiva);

sviluppo (composta da esperti in sviluppo locale e programmazione comunitaria, innovazione e valorizzazione del patrimonio culturale);

partecipazione e comunicazione (dedicata a comunicazione, social media, ai processi partecipativi e alla promozione dell’immagine del territorio).

Il compito di Asset sarà proprio quello di fornire supporto tecnico alle strutture regionali per attuare in sinergia con il Comune di Taranto il processo di pianificazione strategica anche attraverso il tessuto produttivo e sociale.

Tra le prime azioni che metteremo in campo – prosegue Sannicandro – c’è la ricognizione dello stato dei luoghi in cui versano gli impianti sportivi prescelti per le competizioni dei XX Giochi del Mediterraneo che si terranno a Taranto nel 2026. Significa sviluppare progetti di adeguamento del vecchio alle norme vigenti delle federazioni sportive, ma anche sviluppare le progettazioni di nuovi impianti quali il centro natatorio (stadio del nuoto, piscina olimpionica) e il centro nautico oltre ad ulteriori palestre e impianti di quartiere. Tutte le attività del laboratorio saranno fortemente legate a costanti processi partecipativi. Sono infatti previsti incontri periodici con la comunità e i vari stakeholders proprio in merito alle questioni più sentite , un ascolto dal basso che vuole essere di profonda condivisione con il territorio”.