“Stupore al Museo”, i luoghi della cultura per emozionare bambini e famiglie

7

locandina stupore al museo

Il progetto promosso dal Comune di Foggia mette in rete i siti culturali della città

FOGGIA – Sorprendere, emozionare, colpire l’immaginario collettivo ed individuale dei più giovani attraverso la storia, la cultura, la magia e le tracce del nostro passato. Sono queste le suggestive sfide lanciate dal progetto “Stupore al Museo”, che ha l’obiettivo di promuovere l’accessibilità, l’uso consapevole, la conoscenza dei beni culturali e degli istituti di cultura nei bambini e ragazzi fino ai 13 anni. “Stupore al museo” è finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito del progetto pluriennale “I musei raccontano la Puglia” e promosso dal Comune di Foggia, capofila dell’Hub culturale territoriale; l’iniziativa si avvale della sinergia del Polo Biblio-museale di Foggia e dei partner culturali Società Cooperativa Frequenze e UtopikaMente Aps.

L’idea, quindi, è quella di favorire la connessione dei musei e dei luoghi della cultura di Foggia per realizzare un programma sinergico e variegato di proposte completamente gratuite rivolte ai più piccoli e alle rispettive famiglie.

«Sorprendere e stupire sono le parole chiave di questi progetto che con grande gioia vedrà la luce presso il Museo Civico del Comune di Foggia. La Regione Puglia ancora una volta ha creduto in noi, ha creduto soprattutto che attraverso un lavoro di squadra che mette in campo le eccellenze delle nostra comunità si potesse realizzare qualcosa di buono per il nostro territorio – dice Anna Paola Giuliani, assessore alla Cultura del Comune di Foggia – . Grazie all’impegno e alla dedizione nell’ambito culturale di Frequenze e UtopikaMente Aps, grazie all’illusionista e fantasista di fama internazionale Danilo Audiello, che curerà le conference-show magico-scientifiche al Museo Civico di Foggia; grazie alla storica compagnia “Il teatro del Pollaio”, che animerà gli spettacoli narranti di storie e fiabe incentrate sul tema dell’arte come mezzo espressivo e di felicità; grazie a chi crede che anche in un luogo che per sua stessa definizione può apparire austero ed importante possano entrare i bambini che guardandolo per la prima volta con gli occhi giusti sapranno stupirsi, emozionarsi e viaggiare per la storia». Le fanno eco le parole del sindaco di Foggia, Franco Landella, particolarmente soddisfatto ed orgoglioso dell’avvio dell’iniziativa culturale. «Sono molto contento di questo nuovo progetto, e del fatto che le porte di uno dei luoghi simbolo e culto della città possano aprirsi, seppur in un momento così delicato ed anche se solo virtualmente in questa prima fase, volgendo lo sguardo non agli adulti di domani ma al nostro meraviglioso presente».

Quattro i siti culturali coinvolti nel progetto: Museo Civico di Foggia; Museo del Territorio e Galleria d’Arte moderna e contemporanea del Polo Biblio-museale; Villa Comunale di Foggia.

L’iniziativa – della durata di sette mesi (dicembre-giugno) – è articolata in quattro tipologie di attività culturali, tra loro collegate e caratterizzate dall’approccio trasversale ed emozionale. «I ragazzi e le loro famiglie saranno avvicinati al grande patrimonio culturale del nostro territorio in modo ludico, secondo le dinamiche dell'”Edu-Play” per raccontare la Puglia attraverso uno sguardo nuovo – aggiunge Antonio Cocco, presidente della Società Cooperativa Frequenze, ente gestore del progetto – Di conseguenza, saranno coinvolti in: Laboratori creativi ed educativi museali e di realtà virtuale presso i musei cittadini; Itinerari magico‐scientifici presso il Museo Civico; Spettacoli di teatro narrante presso i luoghi culturali dell’Hub; Visite di realtà virtuali con Auraltech nei musei cittadina».

Per coinvolgere maggiormente la comunità e far conoscere più diffusamente l’iniziativa, martedì 22 dicembre, alle ore 11.00, sulla pagina Facebook Frequenze si svolgerà la conferenza stampa di lancio del progetto “I musei raccontano la Puglia”. Alla presentazione prenderanno parte: Anna Paola Giuliani, Assessore alla Cultura del Comune di Foggia; Francesca Capacchione, cooperativa sociale Frequenze, Gabriella Berardi, direttrice del Polo Biblio-museale, Silvia Pellegrini, dirigente della Sezione Valorizzazione territoriale del Dipartimento Turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio.

Intanto, complice l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, i primi appuntamenti in programma si svolgeranno in modalità online su piattaforma Meet. Si parte nei giorni del 23 e 30 dicembre alle 16.30 con il laboratorio d’arte “Mani d’artista” rivolto a bambini tra 6 ed 8 anni. Il 29 dicembre, invece, alle ore 16:30 è la volta del laboratorio “Alla scoperta di Medusa” dedicato ai piccoli tra 8 e 10 anni. Tre appuntamenti a Dicembre, quindi, per continuare a coinvolgere i bambini alla scoperta dei musei e delle loro storie anche durante la seconda ondata di chiusure. Il ricco calendario di incontri, tutti gratuiti ed articolati in quattro macroattività, verrà promosso mensilmente a mezzo stampa e grazie anche ai social fornirà l’occasione per spalancare le porte del patrimonio e dei musei alla condivisione, stimolando curiosità e creatività, rendendo comunque i luoghi della cultura più vicini nonostante le necessarie restrizionI.