Sequestro beni della Direzione Investigativa Antimafia di Bari

129

sequestro beni dia bari

Sequestrati beni per un valore di oltre 700 mila euro ad un pluripregiudicato foggiano

BARI – Beni ed immobili, un complesso aziendale e disponibilità finanziarie per un valore di oltre 700.000 euro sono stati sequestrati dalla Direzione Investigativa Antimafia di Bari, con la collaborazione del Commissariato della Polizia di Stato di Cerignola, a C. G. (soprannominato “La Cola”), pluripregiudicato 59enne di Cerignola (FG), dedito principalmente a rapine e furti di ingentissimo valore.

Tra i principali precedenti penali del C. spicca l’ordinanza di custodia cautelare emessa, nel marzo 2016, dal G.I.P. del Tribunale di Venezia, nell’ambito dell’Operazione denominata “Wolkenbruch”, con cui è stato accusato di aver preso parte ad un sodalizio criminale con base a San Pietro in Casale (BO), allo scopo di commettere numerosi furti in danno di imprese e riciclaggio di veicoli ricettati, in tutto il nord Italia (Veneto, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Umbria e Toscana).

L’odierno provvedimento di sequestro, emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Bari su proposta del Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, scaturisce da un’analisi approfondita dell’intero patrimonio del C. operata dalla D.I.A. di Bari, che ha accertato l’evidente sproporzione dei suoi redditi rispetto al tenore di vita e agli investimenti effettuati nel tempo.