Sei Festival al Castello Volante di Corigliano d’Otranto e in streaming

18

gianluca de rubertis

LECCE – Dopo una ricca estate di concerti con, tra gli altri, Vinicio Capossela, Dente, Napoli Segreta, Giovanni Truppi, Giardini di Mirò, Lucio Corsi, Erica Mou, Redi Hasa proseguono anche nei mesi autunnali gli appuntamenti culturali e musicali del SEI Festival, ideato, prodotto e promosso da Coolclub, con la direzione artistica di Cesare Liaci. Giovedì 29 ottobre (ore 21 – ingresso 12 euro – Posti limitati e distanziati nel rispetto delle norme anticovid19 – Prenotazione obbligatoria su Dice.fm) la Sala Cavallerizza del Castello Volante di Corigliano d’Otranto ospiterà Gianluca De Rubertis. Nel concerto, realizzato con il sostegno della Programmazione Circuito dei luoghi Puglia Sounds 2020/2021 della Regione Puglia (FSC 2014/2020 Patto per la Puglia – Investiamo nel vostro futuro), il cantautore salentino presenterà i brani del suo nuovo album “La Violenza della luce”, appena uscito per Sony Music Italy (RCA Numero Uno/Sony Music). Il live sarà disponibile anche in diretta streaming (ingresso 3 euro – Prenotazione obbligatoria su Dice.fm). Il SEI Festival proseguirà a novembre al Castello Volante di Corigliano d’Otranto con l’esibizione di Lucia Manca, in collaborazione con Avant Festival (venerdì 6 novembre), la presentazione dei nuovi album del progetto Kërkim (venerdì 13 novembre) e della cantautrice Sofia Brunetta (sabato 14 Novembre, sempre con il sostegno della Programmazione Circuito dei luoghi Puglia Sounds 2020/2021 della Regione Puglia) e una tappa del tour di Birthh, nome d’arte di Alice Bisi (domenica 22 novembre). Info 3331803375 – www.seifestival.it

La violenza della luce – Gianluca De Rubertis
Dopo la fortunata parentesi musicale con il duo “Il Genio” (come dimenticare il singolo “Pop porno”), gli album solisti “Autoritratti con oggetti” (Niegazowana Records, 2012) e “L’universo elegante” (MArteLabel, 2015), le collaborazioni con Morgan, Dellera, Amanda Lear e tanti altri noti musicisti della scena italiana, anticipato dal singolo Pantelleria, De Rubertis torna con il suo terzo lavoro solista che mostra una cifra stilistica che unisce una scrittura raffinata e profonda a una “semplicità” pop. Con “La violenza della luce” l’autore riflette, nel modo più autentico possibile, sul potere maieutico dell’oscurità, su come nel “buio” di una condizione esistenziale difficile si possa raggiungere una presa di coscienza insperata. Al disco hanno collaborato Lele Battista, Matilde Davoli, Leziero Rescigno, Barbara Cavaleri e altri musicisti. «Questo disco intravede la sua luce in uno spazio-tempo molto rapido, violento e critico. Quelle buie cupole in cui a volte incappiamo ci danno la possibilità di scoprire quanto il chiarore possa esserci sfuggito, lo avevamo dimenticato quel chiarore, percorrendo innumerabili strade fuligginose e affondando i tacchi in continue pozzanghere», sottolinea De Rubertis. «Lo stupore che deriva dalla presa di coscienza dell’orrore che si prova per se stessi è anche il più formidabile acciarino che ci consente di appiccare un primo timido e delicato fuoco. Per questo le canzoni di questo album, io credo, vivono quasi tutte di una stessa vita, è un concept album privo di concetto, non lo è per definizione ma potrebbe esserlo per elezione. Alla base c’è questo», prosegue. «L’equilibrio tra una scrittura che riuscisse elegante e densa e una semplicità più prettamente “pop” non è stato assolutamente ricercato ma si è palesato, questa volta, in maniera del tutto automatica, a vantaggio di una cifra che sento più personale. Scrivere questo album è stato un esercizio di vita, e senza prendermi la briga d’essere la parafrasi di me stesso forse sono riuscito ad essere più diretto; o almeno lo spero. Senz’altro, e a questo tengo molto, sono stato sincero. I riferimenti soliti che tutti i giornalisti vorranno cercare all’interno delle canzoni non li rifuggo, sebbene non mi interessino. Lascio la libertà di segnalarli a chi vorrà farlo».

Il Sei Festival è realizzato con il sostegno del Fus – Fondo Unico per lo spettacolo del Mibact e di Regione Puglia, in collaborazione con Ferrovie SudEst (vettore ufficiale) e Vini Garofano e con i media partner Radio Wau, RadioSonar, RKO, Alpaca Music, Le Rane e Sei tutto l’indie di cui ho bisogno.

Il progetto Castello Volante – vincitore del bando per l’adeguamento degli attrattori turistici all’accoglienza di attività di spettacolo dal vivo della Regione Puglia – è gestito dal 2017 da Multiservice Eco, Big Sur e Coolclub in collaborazione con il Comune di Corigliano d’Otranto. Ogni giorno (ore 10/13 – 15/18 – informazioni e prenotazioni visite al 0836471008 – 3883620751 – lunedì chiuso) l’infoPoint offre un catalogo di esperienze culturali, visite guidate esperienziali, bike tour dentro e intorno le mura del Castello e, all’interno del suo bookshop, una selezione di produzioni editoriali, artigianali e di design made in Puglia. Dal venerdì alla domenica (dalle 19 alle 24 – Info e prenotazioni 3884221753 – 3331803375) è aperto anche il Ristoro del Castello con la sua “Officina del gusto” che sperimenta e fonde semplicità, raffinatezza e tradizione.