San Cataldo, Marina leccese abbandonata

48

Trevisi (M5S): “Forte potenziale turistico. Necessario riqualificare”

san cataldoLECCE – “La marina leccese versa da tempo in un forte stato di abbandono, la costa di San Cataldo e l’entroterra sono caratterizzate da vaste aree di verde incolto e colate di cemento, inoltre la darsena di San Cataldo continua ad essere afflitta dall’accumulo di alghe. L’intero litorale leccese si presenta completamente impreparato, dal punto di vista della riqualificazione territoriale, ad affrontare il prossimo periodo estivo” questa la denuncia del Portavoce salentino, nonché Capogruppo Regionale M5S, Antonio Trevisi.

Una situazione che prosegue da anni – evidenzia Trevisi – in un’area peraltro a grande vocazione turistica essendo vicina sia al capoluogo salentino che alla riserva naturale de ‘le Cesine’. Ma non solo: è necessario anche pensare alla importante funzione che la darsena ha per i pescatori della zona, oggi inagibile a causa del mancato dragaggio delle alghe. E’ necessario procedere con un piano di interventi strutturato che sia in grado di individuare precisamente l’ambito di rigenerazione al fine di poter accedere ai finanziamenti destinati alla riqualificazione e alla valorizzazione di questo territorio.

È un errore continuare a prevedere interventi momentanei per risolvere le situazioni che si presentano di volta in volta. Diventa di fondamentale importanza provvedere al recupero e alla valorizzazione degli arenili e dei beni paesaggistici che insistono su questa costa, ammodernando le infrastrutture viarie esistenti, predisponendo parcheggi e servizi navetta, che permettano il collegamento con i principali luoghi di attrazione, e introducendo reti di mobilità alternativa”.