Ruvo di Puglia, il 28 aprile la presentazione di “Don Tonino Bello – Una storia che parla di futuro”

53

Nella Concattedrale venerdì prossimo verrà presentata la graphic novel di Adriano Pisanello con testi di Salvatore Leopizzi

RUVO DI PUGLIA – In occasione del trentesimo anniversario della morte di Don Tonino Bello, venerdì 28 aprile 2023, alle ore 20 nella Concattedrale di Ruvo di Puglia, in largo Cattedrale 1, edizioni la meridiana e l’associazione Un panda sulla luna, in collaborazione con il Comune di Ruvo di Puglia, nell’ambito nella rassegna Il maggio dei libri 2023, presentano la graphic novel “Don Tonino Bello – Una storia che parla di futuro” di Adriano Pisanello con testi di Salvatore Leopizzi, edizioni la meridiana.

Intervengono Don Salvatore Leopizzi e il cantautore e giornalista Nabil Salameh.

Sono previsti i saluti del parroco della cattedrale di Santa Maria Assunta di Ruvo di Puglia Don Salvatore Summo e del sindaco Pasquale Chieco.

Modera la giornalista Annamaria Minunno.

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

Per i tanti che l’hanno conosciuto don Tonino Bello è stato un esempio da seguire. Leggere di lui oggi significa poter scoprire in lui gli strumenti giusti per farsi “costruttori di pace”.

Con questa graphic novel Adriano Pisanello e don Salvatore Leopizzi raccontano la vita di don Tonino Bello in forma di fumetto: vignette, disegni e dialoghi che possono raccontare con immediatezza a ragazzi e ragazze ciò che don Tonino è stato, l’avventura della sua vita. Perché non resti relegata al passato, ma sia una storia viva che può, ancora, aiutarci a costruire il futuro di tutti noi.

“Don Tonino– ha detto il Sindaco Pasquale Chiecoha lasciato un segno profondo nella coscienza di tutti coloro che lo hanno conosciuto, a prescindere dal credo religioso, dal pensiero politico, dalla nazionalità. Oggi sono trent’anni dalla sua scomparsa: la chiarezza delle sue idee, il suo sguardo fisso sui drammi dell’umanità senza mai girare la testa restano un monito vivo e un’ispirazione nell’azione quotidiana di tante e tanti di noi.