Miasmi a Casarano e Lequile

antonio trevisi

Trevisi (M5S): “Arpa avvii controlli sulla qualità dell’aria”

LECCE – Il consigliere del M5S Antonio Trevisi presenterà un’interrogazione indirizzata all’assessore all’Ambiente Stea sui miasmi percepiti dai cittadini di Casarano e Lequile.

Una situazione – spiega il pentastellato – non più sostenibile. I cittadini corrono un rischio per la salute e sono costretti a chiudersi in casa sbarrando porte e finestre a causa della puzza prodotta da materiale bruciato, probabilmente plastica. Chiederò alla Giunta che siano incrementate le indagini olfattometriche e i controlli sulla qualità dell’aria in tutte le aree in cui si avvertono in modo massiccio problemi legati all’inquinamento atmosferico. Purtroppo ho constatato in questi anni che l’ARPA assegna i monitoraggi da fare sui territori in base al numero di dipendenti, ma a causa di personale insufficiente le aree più a rischio nel Salento non rientrerebbero nell’azione di controllo. Così sindaci e cittadini non sanno ancora cosa stanno respirando e convivono con la paura che si possa trattare di sostanze cancerogene. Quanto si dovrà ancora aspettare per avere anche un’analisi accurata dei terreni agricoli per sapere se vi sono presenti mercurio, diossine, arsenico, cromo, rifiuti radioattivi e una contaminazione delle acque sotterranee? Solo analizzando le fonti di contaminazione, si potranno avviare le misure necessarie per rimuoverle e arginarle”.

La Regione Puglia – continua il pentastellato – ad oggi non ha fatto nulla nonostante la mia mozione approvata ad inizio legislatura con cui Emiliano s’impegnava a potenziare i monitoraggi ambientali in Puglia. A quanto pare alla Giunta non interessa la gravità del fenomeno che coinvolge tutti noi e non solo coloro che avvertono i miasmi”.