Mafia: 15 colpi contro una ditta di rifiuti, tre arresti

8

ACQUAVIVA DELLE FONTI – Per un atto intimidatorio con 15 colpi d’arma da fuoco calibro 9x21mm esplosi il 20 settembre 2018 davanti alla sede di una società di Acquaviva delle Fonti, operante nel settore delle bonifiche ambientali, dei servizi di igiene, di costruzioni edili e stradali, tre persone sono state arrestate dai carabinieri. In carcere sono finiti un 33enne, un 53enne e un 36enne. Altre tre persone sono indagate a piede libero. Le misure cautelari sono state eseguite a Gioia del Colle, Casamassima e Bari.

Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di danneggiamento di edificio a uso pubblico, detenzione e porto in luogo pubblico di arma comune da sparo, con l’aggravante del metodo mafioso, nonché di tentata estorsione e favoreggiamento. L’inchiesta, coordinata dalla Dda di Bari, è partita dopo la sparatoria nella zona industriale di Acquaviva: in quella occasione due persone, non identificate, a bordo di un potente scooter indossando caschi integrali, esplosero i 15 colpi come atto di “minaccia mafiosa e finalità palesemente intimidatorie”, dicono gli inquirenti, pur non avendo ancora ricostruito il movente.

I proiettili colpirono tre auto parcheggiate nel piazzale della società. Il giorno dopo l’evento fu ritrovata la moto utilizzata dai due malviventi, completamente bruciata e abbandonata nelle campagne di Gioia del Colle. Grazie alle immagini di vari impianti di videosorveglianza e alle intercettazioni telefoniche sono stati poi identificati alcuni dei responsabili dell’agguato. E’ stato anche registrato il tentativo, da parte di uno dei tre arrestati, di estorcere 10mila euro a uno dei soggetti coinvolti nell’azione delittuosa quale prezzo del suo silenzio.