Presentati i progetti “All you can… sport” e “Tutti per uno, una racchetta per tutti”

20

I due progetti, che promuovono la pratica sportiva come strumento di prevenzione, inclusione sociale e crescita, prenderanno il via a metà gennaio 2024 e dureranno due anni

LUCERA – Lo sport come strumento di prevenzione, inclusione sociale e crescita, non solo personale ma anche del territorio. È l’ambizioso obiettivo di “All you can… sport” e “Tutti per uno, una racchetta per tutti” che si sono aggiudicati il finanziamento Sport di tutti – Inclusione, realizzato da Sport e Salute in collaborazione con il Dipartimento per lo Sport.
I due progetti prenderanno il via a metà gennaio 2024 e dureranno due anni, promuovendo attraverso la pratica sportiva gratuita un percorso di sostegno e un’opportunità di recupero per soggetti fragili, a rischio di devianza e di emarginazione.
«Si tratta di un modello d’intervento sportivo e sociale che mira ad abbattere tutte le barriere di accesso allo sport e declina concretamente il principio del diritto allo sport per le persone e nelle comunità», ha spiegato il coordinatore regionale di Sport e Salute Francesco Toscano, che ha aggiunto: «Sono contento che Foggia abbia risposto ai bandi, in Puglia sono stati finanziati ben 14 progetti di inclusione, a dimostrazione che in questo settore non siamo fanalino di coda ma ci piazziamo ai primi posti». La Puglia, infatti, insieme a Campania, Lombardia e Sicilia, è tra le regioni con maggior numero di ASD/SSD/ETS ammessi al finanziamento.

Alla presentazione dei progetti, avvenuta giovedì 14 dicembre nella Sala conferenze dell’Opera San Giuseppe a Lucera, sono intervenuti anche il direttore dell’Opera San Giuseppe Padre Giuseppe Minisci e il consigliere comunale Raffaele Iannantuoni.
Ad illustrare nel dettaglio le attività che saranno messe in campo grazie a “Tutti per uno, una racchetta per tutti” e “All you can… sport” sono stati Floriana De Vivo e Gianni Finizio, che hanno scelto di presentare insieme i due progetti per dare un segnale forte di inclusione, anche a livello di agenzie presenti sul territorio.
«Il telaio della racchetta simboleggia le interconnessioni tra tutte le realtà che prenderanno parte al progetto, unite verso un unico obiettivo sociale: quello dell’inclusione e del superamento degli stereotipi», ha affermato con convinzione Floriana De Vivo, coordinatrice del progetto “Tutti per uno, una racchetta per tutti” (promosso dall’ASD Elpìs), nonché vice presidente del Comitato Paralimpico Puglia.
«Siamo contenti di partire con questo progetto che vede insieme tanti partner per coinvolgere, tramite lo sport, bambini e ragazzi. Crediamo che lo stare insieme grazie all’attività sportiva abbia un peso specifico nella crescita delle persone», ha sostenuto Gianni Finizio, coordinatore del progetto “All you can… sport” (promosso dall’ASD Polisportiva Opera San Giuseppe).
Entrambi i progetti mirano a creare e divulgare l’inclusione sportiva, il rispetto e la conoscenza della diversità sia motoria che conoscitiva, ma anche ad utilizzare lo sport per costruire una rete e delle relazioni ricche di significato tra le principali agenzie educative del territorio.

I PROGETTI
“TUTTI PER UNO, UNA RACCHETTA PER TUTTI”.
Promosso dall’associazione Sportiva Dilettantistica Elpìs (nata nel 2017 e affiliata alle principali federazioni paralimpiche, tra cui FISDIR e FINP) promuove tre discipline – tennis tavolo, badminton e padel – accomunate dall’utilizzo di uno stesso strumento (seppur di dimensioni e fattezze diverse): la racchetta.
Il progetto prevede anche altre attività sociali: due passeggiate ecologiche (di 52 partecipanti ognuna, presso il Boschetto di Colle Albano di Lucera in gestione all’I.C. “Manzoni Radice”), laboratori di cioccolateria e di ceramica (presso la sede de I Diversabili), pattinaggio su ghiaccio (una volta al mese, per un’ora, sarà disponibile la pista di pattinaggio sul ghiaccio del Padel Dream), laboratorio creativo (destinato a 20 studenti dell’Itet che progetteranno il materiale grafico relativo al progetto).
I destinatari del progetto sono 104 ragazzi tra gli 11 e i 24 anni, provenienti da famiglie in condizioni di disagio economico, extracomunitari residenti e domiciliati nel territorio, ragazzi con disabilità.
L’intero percorso sarà organizzato in 24 mesi, per una durata totale di 50 settimane e sarà affidato a istruttori specificatamente formati. Accanto agli istruttori è prevista la presenza di un educatore per favorire le relazioni intra ed extra familiari e migliorare la cultura dell’integrazione e della solidarietà.
In ognuna delle 50 settimane di durata del progetto, saranno organizzati 2 incontri per ogni disciplina sportiva.
Partner del progetto sono: Comune di Lucera, I Diversabili Odv Ets, Coop. Soc. Paidos Onlus, Parrocchia Cristo Re, Padel Dream, I.C. Manzoni-Radice, Itet Vittorio Emanuele III.

“ALL YOU CAN… SPORT”
Promosso dall’ASD Polisportiva Opera San Giuseppe (costituita nel 2019 per vivere l’esperienza sportiva secondo la visione cristiana dell’uomo e dello sport, facendo riferimento alla figura di San Leonardo Murialdo) coinvolgerà 111 ragazzi, tra i 5 e i 17 anni, nella pratica di cinque tipologie di attività sportive: scherma, scherma paralimpica, tiro con l’arco, calcio a 7, atletica leggera. Tutti i corsi saranno tenuti da personale qualificato, in possesso dei titoli necessari alla pratica delle diverse discipline.
Sono previste, inoltre, attività aggiuntive extra sportive: Spazio Cinema (quattro proiezioni su tematiche sportive che evidenziano i principi, lo stile di vita, il rispetto delle regole, il gioco di squadra, la correttezza e il fair play); Sport e Medioevo (sport legati al passato e alla storia della Lucera angioina); Non solo gladiatori (la preparazione atletica legata agli allenamenti dei gladiatori per rivivere il percorso storico della colonia di Luceria nel periodo imperiale del I sec. d.C.); Sostegno scolastico (per alunni che necessitano di recupero scolastico seguendo i casi segnalati dagli istituti comprensivi della città); Laboratorio Traforo (per la riproduzione di sagome e oggettistica in legno); Centro estivo (con attività laboratoriali, ludico-sportive, di animazione e formative).
Partner del progetto sono: Asd Running Academy Lucera, I.C. Bozzini-Fasani, I.C. Manzoni-Radice, I.C. Tommasone-Alighieri, Aps 5 Porte Storiche Città di Lucera, SPQL Gruppo Storico Lucerino Aps, Ass. Cult. A Cuperte de Natale, Ass. Cult. Strumenti e Figure, Murialdomani Srl Impresa Sociale, Parrocchia Cristo Re, I Diversabili Odv Ets, Coop. Soc. Paidos Onlus